A+ A A-
 

Chrysarmonia: pronti per il full length Chrysarmonia: pronti per il full length Hot

Chrysarmonia: pronti per il full length

recensioni

titolo
“Metamorphosis - Deluxe Edition”
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Fast
2. Perfect
3. Victim
4. Piece Of My Dream
5. I Know Who I am

Line up:
Fabio Chiappella - batteria
Simone Pampuri - basso
Davide Paggiarin - chitarra
Vania Guarini – voce

opinioni autore

 
Chrysarmonia: pronti per il full length 2020-07-25 09:28:10 Corrado Franceschini
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Corrado Franceschini    25 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La metamorfosi della crisalide che si schiude e, con le sue ali di farfalla, porta la sua musica nel mondo. Questa, in poche parole, è la filosofia perseguita dai Chrysarmonia. Il combo milanese ha alle spalle un passato fatto di cover portate in concerto con il nome 5 a caso. Il moniker viene cambiato in quello attuale quando, nel 2018, la band ha pronto un repertorio dove compaiono brani originali. Il primo demo, “Metamorphosis”, viene fatto uscire a dicembre dello stesso anno e presenta cinque brani registrati in maniera per così dire artigianale. L’E.P. in esame, ovvero “Metamorphosis - Deluxe Edition”, è uscito nel 2019 e al suo interno troviamo La traccia “Fast” in sostituzione della vecchia “Calm The Fire”. E’ proprio “Fast” che ci introduce alla musica del quartetto milanese. Il brano è stato registrato al Reclab studio di Larsen Premoli ed è stato scritto per commemorare le 84 vittime dell’attentato del 14.07.2016 quando un autocarro, a Nizza, piombo sulla folla. Come è giusto che sia la melodia la fa da padrona e la musica sconfina in un Rock dolce che ha però in se le caratteristiche salienti dei Chrysarmonia: armonizzazioni ripetute della voce femminile di Vania, cori, e facilità d’ascolto. Come detto i rimanenti quattro brani hanno una produzione diversa e seguono la scia di quelle dei demo anni ’90 il che non è necessariamente un male. “Perfect” è introdotta dal basso pulsante di Simone Pampuri e si snoda attraverso i sentieri dell’Hard grezzo caratterizzato da cambi. La voce di Vania tocca diversi registri e Davide Paggiarin, con la sua chitarra, gioca bene la carta del solo. “Victim” passa dal Rock duro a una modalità arabeggiante che ricorda le sabbie dei deserti. La batteria “spezzata” di Fabio Chiappella frammenta un poco il ritmo e lascio decidere a voi se questo è un bene o un male. Con “Piece Of My Dream” si assiste ad una buona performance generale di tutto il gruppo anche se gli highlights rimangono la voce di Vania e la chitarra semplice e precisa. La connotazione della vocalist, più adatta alle note Rock/Soul "morbide", non le permette di usare una grinta che questo pezzo avrebbe richiesto in certi passaggi ma va bene lo stesso. “I Know Who I Am”, uscita come primo singolo, chiude in bellezza l’E.P. lasciandoci il ricordo di un coro facilmente memorizzabile che vi ritroverete a cantare la mattina facendo colazione. Una cosa è sicura: i Chrysarmonia hanno voglia di farsi conoscere e sono disposti a girare in lungo e in largo. Le presenze all’Acciaio Italiano Festival 2019, alla quarta edizione del festival del blog di Facciamo Valere il Metallo Italiano (2020), e molti altri concerti, sono lì a testimoniarlo. A mio giudizio il gruppo è pronto per il “grande salto”; vedremo se sarà in grado di mantenere le promesse affrontando la prova del full length previsto per il 2021.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un ennesimo lavoro di Rogga Johansson, stavolta con il solo project Megascavenger
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Ucraina una band per fans di Neurosis ed Isis: i Nug, con il loro ottimo debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora un po' acerbo ma comunque godibile il debutto dei canadesi Atræ Bilis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Soddisfacente questa seconda release dei polacchi Kalt Vindur
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente i tedeschi Stillbirth tirano fuori quello che è il loro miglior album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i greci Obsecration un ritorno guastato da una produzione non all'altezza
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Darkness perchè quella cover?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla