A+ A A-
 

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese Hot

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese

recensioni

titolo
The Master's Way
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line up: 
Nicolas Jacon - Guitars
Elena Penalver - Vocals
Sébastien Normand - Bass

Tracklist:
1.Master's Way
2.A Man in the Crowd
3.Not in My World
4.Today's the Day
5.Far from Me
6.The Mountain
7.Sense of Hope
8.My Lost City

opinioni autore

 
Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese 2020-07-10 10:40:21 Celestial Dream
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Celestial Dream    10 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano da Parigi i Sins Of Shadows e questo “The Master's Way” è il loro disco d'esordio. Si presentano come una band heavy metal con forti influenze progressive tra Maidens e Symphony X, ma a noi pare proprio che l'essenza sia principalmente del melodic metal con voce femminile.

Il trio francese, guidato dal chitarrista Nicolas Jacon e dalla singer Elena Penalver, mostra alcuni passaggi interessanti ma, allo stesso tempo, anche diverse cosine da sistemare. Lo dimostra subito la partenza affidata alla title-track, dove le linee vocali convincono poco, sia per l'interpretazione un po' fredda della cantante, sia per un songwriting un pochino scolastico. In effetti sono i passaggi più elaborati, quelli che la band mostra saltuariamente, a convincere di più come nell'elaborata “Sense Of Hope”, song che supera gli otto minuti, presentando alcuni passaggi ricercati e buone intuizioni. Un'altra pecca del disco è la produzione che in certi momenti mostra alcune lacune importanti, in particolare per quanto riguarda il suono della batteria, aspetto evidente in brani come “A Man in the Crowd”, tra l'altro uno dei meglio riusciti del lotto, grazie a ritmiche scoppiettanti e melodie azzeccate. La chiusura è affidata alla sinfonica e dinamica “My Lost City”, dove Elena punta su un cantato tipicamente lirico.

I tipici errori da disco d'esordio sono presenti in questo “The Master's Way”, lavoro ancora acerbo. Ma occhio ai Sins Of Shadows, perché la loro carriera è appena iniziata e le potenzialità sembrano buone!

Trovi utile questa opinione? 
03
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un ennesimo lavoro di Rogga Johansson, stavolta con il solo project Megascavenger
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Ucraina una band per fans di Neurosis ed Isis: i Nug, con il loro ottimo debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora un po' acerbo ma comunque godibile il debutto dei canadesi Atræ Bilis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Soddisfacente questa seconda release dei polacchi Kalt Vindur
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente i tedeschi Stillbirth tirano fuori quello che è il loro miglior album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i greci Obsecration un ritorno guastato da una produzione non all'altezza
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Darkness perchè quella cover?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla