A+ A A-
 

Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano

Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano

recensioni

gruppo
titolo
Wooden Box
etichetta
Aor Heaven
Anno

Line-up:
Tommi ‘Tuple’ Salmela – vocals
Tom Rask – drums
Riitis – guitars, keyboards & loops
Pate Kivinen – Hammond organ
Jykä Sirainen - bass


Tracklist:
1. Wooden Box
2. Demon Alcohol
3. Together
4. Fucking Beautiful
5. Kryptonite
6. In These Attitudes
7. Too Far Gone
8. Miracle
9. Get With The Program
10. Rocking Chair
11. Pretty Much Perfect   

opinioni autore

 
Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano 2020-07-08 23:11:53 Celestial Dream
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Celestial Dream    08 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 09 Luglio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tommi 'Tuple' Salmela è un cantante conosciuto per i suoi trascorsi in band come Tarot, Lazy Bonez e Raskasta Joulua. “Wooden Box“ è il suo primo disco solista, un concentrato di melodic hard rock e Aor dalle sonorità nordiche.

La prima caratteristica che esce all'ascolto di questi brani è la voce particolare del singer nordico, un po' nasale e che forse manca di un pizzico di potenza, ma compensa con un'estensione ed una pulizia importanti. Le songs presentano tastiere dal tocco scandinavo e chitarre melodiche che accompagnano la voce di mr Turple. La tracklist non fa sognare ad occhi aperti, ma mette in mostra la passione di questo artista verso queste sonorità e brani come “Fucking Beautiful” dimostrano le capacità di Tommi nel comporre melodie dal forte impatto. Tra Journey, Kansas e FM e con la presenza di numerosi ospiti tra cui spiccano Sande Kallio (Amorphis), Marko Hietala (Nightwish, Tarot) e Tony Kakko (Sonata Arctica), il disco si dimostra godibile e ruffiano anche se un pochino scontato in diversi passaggi, dove pare mancare qualcosa al nostro Tuple per poter davvero eccellere.

“Wooden Box” è il classico lavoro piacevole, ma se confrontato con i pezzi grossi della scena Aor e hard rock qui siamo oggettivamente un paio di gradini sotto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un ennesimo lavoro di Rogga Johansson, stavolta con il solo project Megascavenger
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Ucraina una band per fans di Neurosis ed Isis: i Nug, con il loro ottimo debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora un po' acerbo ma comunque godibile il debutto dei canadesi Atræ Bilis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Soddisfacente questa seconda release dei polacchi Kalt Vindur
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente i tedeschi Stillbirth tirano fuori quello che è il loro miglior album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i greci Obsecration un ritorno guastato da una produzione non all'altezza
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Darkness perchè quella cover?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla