A+ A A-
 

A volte la semplicità paga, ma non del tutto nel caso degli She Bites! A volte la semplicità paga, ma non del tutto nel caso degli She Bites!

A volte la semplicità paga, ma non del tutto nel caso degli She Bites!

recensioni

gruppo
titolo
Joyride
etichetta
Pride & Joy Music
Anno

Tracklist:
1. Demons
2. Joyride
3. She Is On Fire
4. Heartbreak Hotel
5. Dance For You
6. I’ll Be Alright
7. Rock This Night
8. Punches
9. The Simple Song
10. Heaven Sent
11. Push The Button

Line up: 
Melanie Stahlkopf - vocals
Lars König - guitars
Arvid Lucas - bass
Carsten Kohl - drums

opinioni autore

 
A volte la semplicità paga, ma non del tutto nel caso degli She Bites! 2020-07-08 14:44:48 Celestial Dream
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Celestial Dream    08 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 08 Luglio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'hard rock non è solo terreno per maschietti! Lo hanno dimostrato negli anni band e personaggi come Doro, Heart, Robin Beck, Fiona e la lista potrebbe durare a lungo.

She Bites è una nuova band che si forma nel 2019 ma che è già pronta a gettarsi nella mischia con un full-length di chiarissimo stampo hard rock, di quello che profuma di Eighties lontano un miglio! Melanie Stahlkopf insieme al chitarrista Lars König (Lioncage, ex Skyline) hanno dato vita a brani energici, merito della chitarre vispe del guitarman tedesco e dell'ugola grintosa della singer teutonica. La potente opener “Demons” lascia spazio alla radiofonica “Joyride” per una partenza discreta. Certo che già dai primi ascolti ci si accorge che alcuni momenti sono davvero banali; “She Is On Fire”, “Dance For You” e la quasi fastidiosa “Punches”, tutte songs che sia dalla struttura che dalle linee melodiche suonano piuttosto scontate nonostante la presenza di qualche buon solo di chitarra. Peccato, perché alcuni momenti coinvolgenti ci sono come la divertente “Rock This Night”, brano che piazza un coretto da stadio che colpisce fin da subito.

Fatica “Joyride” a colpire, anzi spesso la sensazione è di ritrovarsi davanti ad un lavoro un pochino sempliciotto che all'interno del mercato attuale fa fatica a classificarsi. A volte la semplicità paga, ma purtroppo non è questo il caso.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un ennesimo lavoro di Rogga Johansson, stavolta con il solo project Megascavenger
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Ucraina una band per fans di Neurosis ed Isis: i Nug, con il loro ottimo debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora un po' acerbo ma comunque godibile il debutto dei canadesi Atræ Bilis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Soddisfacente questa seconda release dei polacchi Kalt Vindur
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente i tedeschi Stillbirth tirano fuori quello che è il loro miglior album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i greci Obsecration un ritorno guastato da una produzione non all'altezza
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Darkness perchè quella cover?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla