A+ A A-
 

Pretty Maids, dal Giappone per celebrare Future World Pretty Maids, dal Giappone per celebrare Future World

Pretty Maids, dal Giappone per celebrare Future World

recensioni

titolo
Maid In Japan - Future World Live 30th Anniversary
etichetta
Frontiers Music
Anno

Tracklist:
1. Fw30 (Intro)
2. Future World
3. We Came To Rock
4. Love Games
5. Yellow Rain
6. Loud ´N´proud
7. Rodeo
8. Needles In The Dark
9. Eye Of The Storm
10. Long Way To Go
11. Mother Of All Lies
12. Kingmaker
13. Bull's Eye
14. Little Drops Of Heaven
15. Sin-Decade

Bonus on DVD and Blu-Ray:
- The videos:
Little Drops Of Heaven
Mother Of All Lies
Nuclear Boomerang
My Soul To Take
A Heart Without A Home
Kingmaker
Face The World
Bull's Eye
Last Beauty On Earth
Serpentine
Will You Still Kiss Me (When I See You In Heaven)
- Balingen Documentary
- Japan Documentary
- Interviews with Ronnie Atkins, Ken Hammer, Chris Laney, Rene Shades.

Line-up:
Ronnie Atkins – vocals
Ken Hammer – guitars
Rene Shades – bass
Chris Laney – keyboard, guitar
Allan Sørensen – drums

opinioni autore

 
Pretty Maids, dal Giappone per celebrare Future World 2020-06-03 10:13:37 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    03 Giugno, 2020
Ultimo aggiornamento: 03 Giugno, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due serate magiche, entrambe a Tokyo, per celebrare i trent'anni del grande “Future World” probabilmente il disco - pubblicato nel 1987 - più storico firmato dai danesi Pretty Maids.

Una performance registrata nel 2018 e ora disponibile in cd e dvd per essere riassaporata da tutti i fans della band e non solo. Davanti ad un caldo pubblico nipponico, Ronnie Atkins e soci hanno risuonato il disco nella sua interezza aggiungendo anche una manciata di altri brani. Dalle note di questo live album forse non escono al massimo tutte le vibrazioni ed emozioni della performance ma l'intensità di brani come l'opener “Future World” e della superlativa “Loud ´N´Proud” non possono che esaltare. E i presenti si fanno sentire alla grande sulle note della dolce ed elegante “Yellow Rain” e poi con l'intensa “ Eye Of The Storm”. Nel finale trovano spazio una manciata di pezzi pescati dalla discografia più recente della band e che faticano un po' a mantenere il livello con il passato anche se “Little Drops Of Heaven” si fa apprezzare mentre la conclusione arriva con la scoppiettante “Sin-Decade”, tratta dall'omonimo disco pubblicato nel 1992.

I fan dei Pretty Maids non si faranno sfuggire un prodotto così interessante con un sound solido e compatto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un bel disco spensierato e ben suonato per Jessica Wolff
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Imperivm ci parlano dell'antica Roma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Etorkizun Beltza sorprendono in positivo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Backwater un grande esempio di rock'n'roll classico pieno zeppo di adrenalina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla