A+ A A-
 

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare Hot

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare

recensioni

gruppo
titolo
Interdimensional Invocations
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death/Black Metal 

FFO: Absu, Voivod, Goatwhore, Bal-Sagoth 

LINE UP: 
Tyler Sturgill - vocals, guitars 
Woody Adler - guitars, vocals 
Ben Bennett - bass, vocals 
Jeremy Salvo - drums 

TRACKLIST: 
1. Casting the Sigil [04:52] =ASCOLTA= 
2. Mountain Machines [03:53] 
3. Back to the Jungle [05:05] =ASCOLTA= 
4. Unseen Abductor [04:58] 
5. Haruspex [04:23] 
6. Plague Revival 20XX [05:26] 
7. The Ghost Hand of God [03:46] 
8. Melted Face of the Soul [06:43] 

Running time: 39:06 

opinioni autore

 
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare 2020-03-29 17:30:23 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    29 Marzo, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pubblicato alla metà d'ottobre dello scorso anno, "Interdimentional Invocations" è il secondo album degli statunitensi Xoth, band di Seattle formatasi nel 2014 e con all'attivo, oltre ad un EP, anche un primo album intitolato "Invasion of the Tentacube", uscito nel 2017, il tutto autoprodotto dalla band stessa. Considerato che i musicisti coinvolti in questa band hanno già il loro bagaglio d'esperienza - in formazione troviamo ex membri di Warbringer, Lacherous Nocturne, Bonded by Blood e Phalgeron -, possiamo dire che, in parte, questa seconda fatica degli Xoth è un po' una piccola delusione. La proposta del quartetto statunitense è un Death/Black canonico in cui possiamo trovare anche passaggi thrashy, ma senza una vera e propria varietà; presi uno a uno, brani che compongono "Interdimensional Invocations" non sarebbero nemmeno poi tanto male, in primis "Back to the Jungle", ma presi insieme il tutto sembra un po' troppo ripetitivo e, alla lunga, monotono, tanto che si arriva in fondo all'album con uno sforzo eccessivo per un lavoro di questo genere. Soprattutto, in ambito Death/Black c'è un numero alquanto considerevole di ottime release, quindi un lavoro non propriamente memorabile come è questa seconda fatica degli Xoth - arrivati in fondo forse la sola "Back to the Jungle" lascia qualcosa -, può lasciare un po' il tempo che trova.

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Buono il debut album degli Oxidize
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un undicesimo album che non convince del tutto per gli svedesi Centinex
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Malinconici ed intensi i Sinisthra di Tomi Joutsen
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pretty Maids, dal Giappone per celebrare Future World
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Deformation of the Holy Realm" i Sinister pubblicano il loro quattordicesimo album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Sonic Riot e l'amore per l'heavy metal degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Song of Anhubis: bel passo in avanti per i gothic metallers spagnoli!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Reism ed un sound eterogeneo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Old Bridge: L'inferno, il paradiso, e gli umani
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che esordio per gli Everlore!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è ancora tanta strada da percorrere per il progetto Dracovallis
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla