A+ A A-
 

I Blame Zeus suonano un heavy/alternative metal con riff decisi e carichi di groove I Blame Zeus suonano un heavy/alternative metal con riff decisi e carichi di groove Nuovo

I Blame Zeus suonano un heavy/alternative metal con riff decisi e carichi di groove

recensioni

titolo
Seethe
etichetta
Rockshots Records
Anno

Tracklist:
1. How To Successfully Implode
2. Déjà Vu
3. Down To Our Bones
4. White
5. Bloodstained Hands
6. The Obsession Lullaby
7. Into The Womb
8. No
9. The Warden
10. The Crown and The Gun

Line-Up:
Sandra Oliveira - vocals
Ricardo Silveira - drums
Paulo Silva, Tiago Lascasas - guitars
Celso Oliveira - bass

opinioni autore

 
I Blame Zeus suonano un heavy/alternative metal con riff decisi e carichi di groove 2020-03-24 18:40:06 Virgilio
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Virgilio    24 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Blame Zeus sono un gruppo portoghese che con "Seethe" giunge al terzo full-length, dopo il debutto "Identity" del 2014 e il follower "Theory of Perception" del 2017. Il loro stile oscilla tra heavy e alternative metal, con chitarre ribassate e assai cariche di groove, sulle quali svetta la voce alta e potente della cantante Sandra Oliveira. Il loro è un sound molto fresco ed incentrato appunto sui riff, che in questo lavoro tende ad essere leggermente più dark rispetto al passato e ad accogliere di tanto in tanto qualche elemento prog, ad esempio con tempi complessi o qualche cambio tematico come avviene nel caso di "White" o "The Crown and the Gun". Ci sono anche influenze dei Tool, uno dei principali punti di riferimento della band, evidenti, ad esempio, nel caso della già citata "The Crown and the Gun". Non si riscontra a dire il vero nei brani un particolare gusto melodico, salvo magari qualche traccia come "How to Successfully Implode" o "No", nè in generale, ci sono tracce che magari spiccano rispetto ad altre. Ne consegue che lo stile funziona e l'album è suonato anche indubbiamente bene, per cui lo si ascolta con piacere, però di per sè non sono molti i brani che catturano realmente l'attenzione nè si ravvisano significativi picchi qualitativi e questo può rappresentare un po' un limite. In definitiva un disco onesto e con diversi buoni spunti, per quanto non certamente imprescindibile.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

C'è poco da salvare nel nuovo disco dei Darker Half
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli Angerot con un sound totalmente diverso rispetto il debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra heavy e doom questo primo album dei Mudd Flux
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Roccioso e marziale il Death/Doom degli olandesi Graceless
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un album interamente strumentale per i Lost Symphony
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rivelazione metafisica dei Sutrah
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sicuramente positivo l'esordio dei Norwald
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla