A+ A A-
 

Un buon debutto assoluto per i veneti Obscura Qalma, pur con influenze ancora troppo palesi Un buon debutto assoluto per i veneti Obscura Qalma, pur con influenze ancora troppo palesi Hot

Un buon debutto assoluto per i veneti Obscura Qalma, pur con influenze ancora troppo palesi

recensioni

titolo
From the Sheol to the Apeiron
etichetta
Metal Scrap Records
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Orchestral Blackened Death Metal 

FFO: Septicflesh, Fleshgod Apocalypse, Behemoth, Dimmu Borgir 

LINE UP: 
Sirius - vocals, guitars 
Sartorius - guitars 
Theo - bass 
Res - drums 

TRACKLIST: 
1. Misanthropic Perception [05:27] 
2. Apokalepse [04:00] =ASCOLTA= 
3. Roots of Evil [03:53] 
4. Haze of Reason [04:33] 

Running time: 17:53 

opinioni autore

 
Un buon debutto assoluto per i veneti Obscura Qalma, pur con influenze ancora troppo palesi 2020-02-26 17:43:34 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    26 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Formatisi in quel di Venezia nel 2018 con membri provenienti da altre realtà del sottobosco estremo veneto - come As Memory Dies e From the Shores -, debuttano ad aprile dell'anno dopo con quest'EP a titolo "From the Sheol to the Apeiron" gli Obscura Qalma, quartetto dedito ad un Blackened Death Metal fortemente orchestrale. E proprio tutto questo lavoro di orchestrazioni, oltre che l'impatto che i Nostri sanno dare ai propri pezzi, non può che far venire in mente maestri del genere come Septicflesh e Fleshgod Apocalypse su tutti, senza dimenticare però i Behemoth degli ultimi lavori. Qui sta forse l'unico piccolo difetto ancora imputabile agli Obscura Qalma, ossia quello di essere, in questo loro debutto, un po' troppo 'citazionisti': che siano musicisti già ben scafati lo si evince dal fatto che nessuno dei quattro brani qui presenti è qualitativamente insufficiente - anzi, proprio tutt'altro -, eppure sembra chiaro come il quartetto veneziano sia per certi versi ancora un po' acerbo, ancora sulla via di cercare una propria strada; nei poco più di 17 minuti di "From the Sheol to the Apeiron", infatti, si nota sin troppo quali siano le influenze che hanno portato gli Obscura Qalma al sound che possiamo ascoltare, mancando però quel tocco più personale che avrebbe fatto risaltare maggiormente un lavoro già di per sé più che buono. Ma essendo questo solo il debutto assoluto, per di più con un breve EP, credo sia lecito aspettarsi una crescita esponenziale - anche in tempi brevi - da parte degli Obscura Qalma. Non resta che aspettare, con la dovuta fiducia.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

C'è poco da salvare nel nuovo disco dei Darker Half
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli Angerot con un sound totalmente diverso rispetto il debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra heavy e doom questo primo album dei Mudd Flux
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Roccioso e marziale il Death/Doom degli olandesi Graceless
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un album interamente strumentale per i Lost Symphony
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rivelazione metafisica dei Sutrah
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sicuramente positivo l'esordio dei Norwald
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla