A+ A A-
 

Venti anni di Kryptos! Venti anni di Kryptos! Hot

Venti anni di Kryptos!

recensioni

gruppo
titolo
Afterburner
etichetta
AFM Records
Anno

TRACKLIST:
1. Afterburner
2. Cold Blood
3. Dead Of Night
4. Red Dawn
5. On The Run
6. The Crimson Queen
7. Mach Speed Running
8. Into The Wind

LINE UP:
Nolan Lewis - Vocals/ Rythm Guitar
Rohit Chaturvedi - Lead Guitar
Ganesh K. - Bass

opinioni autore

 
Venti anni di Kryptos! 2020-02-20 22:20:06 Francesco Noli
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Francesco Noli    20 Febbraio, 2020
Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giungono al quinto album "Afterburner" i simpaticissimi Kryptos della curiosa India, direttamente da Bangalore, festeggiando il ventennale della band con note positive. Ne hanno fatta di strada i nostri dall'esordio "Spiral Ascent" del 2004, dimostrando una progressione netta al cospetto di una maturità più fluida e dinamica, anche se non bisogna dimenticare che stiamo parlando di pur sempre Heavy Classico Thrasheggiante, nella fedele riproposizione di stilemi anni '80. Retrò con gusto, quindi si potrebbe affermare oggi, vista l'ostilità di questo lavoro che, seppur melodico e scapocciante, propone i suoi limiti in quanto a fantasia e inventiva; le canzoni di per sé non hanno niente che non vada: "Afterburner" è un heavy/thrash ruggente con accezione speed metal che prende al primo ascolto, un mix di Kreator/Exciter sound, cosi come la seguente "Cold Blood", leggermente più melodica. "Dead Of Night" è un 4/4 con ombre dark cosi come gli assoli, classicissimi ma con gusto, anche se la tecnica è sicuramente da migliorare ma non certo fondamentale; ipnotica nel suo incedere "Red Dawn" forse apice del disco, dotata di riffs robusti e una ritmica granitica. Il disco prosegue su queste coordinate per un'altra manciata di songs, dove forse la conclusiva "Into The WInd" risulta la più riuscita, grazie a un groove talmente ruffiano e tamarroide anni '80 che infonde nostalgia e fierezza, rendendo gradevole questo lavoro che consiglio sicuramente di ascoltare. Se siete dei defenders con le palle quadrate da rispettare, pur tenendo conto anche del fatto che seppur "Afterburner" possa essere derivativo quanto si vuole, ma ha il pregio di far divertire e scapocciare, non solo l'ascolto ma l'acquisto verrà di per sé obbligatorio.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

C'è poco da salvare nel nuovo disco dei Darker Half
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli Angerot con un sound totalmente diverso rispetto il debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra heavy e doom questo primo album dei Mudd Flux
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Roccioso e marziale il Death/Doom degli olandesi Graceless
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un album interamente strumentale per i Lost Symphony
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rivelazione metafisica dei Sutrah
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sicuramente positivo l'esordio dei Norwald
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla