A+ A A-
 

Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex Hot

Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex

recensioni

titolo
We Are the Horde
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Cassino è la Nostra
2. More than Yakuza
3. Cocktail of Molotov
4. Open the Cage
5. War

Line-up:
Piergiorgio Troiano “Giambo” (voce)
Giammarco Tommasso “Hellboy” (chitarra)
Marco Evangelista (chitarra)
Luigi Cervellini (basso)
Alessio Cervellini (chitarra)

opinioni autore

 
Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex 2019-12-08 20:18:33 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    08 Dicembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 09 Dicembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Veloce, incazzato, pieno di citazioni di film e maledettamente old school. Questo il biglietto da visita di "We Are the Horde", EP di debutto dei Lesnar Suplex. Nati a Cassino solamente l'anno scorso, i nostri propongono un metal totalmente inzuppato di Hardcore punk anni '90 e thrash furiosissimo di stampo Sodom e Sacred Reich in primis. Influenze, queste, che si sono concretizzate in questo EP che dura davvero pochissimo - cosa giustificata dato il genere - ma che riesce a farvi schizzare il cervello dalle orecchie. I riff sono marcissimi e semplici, tutto ciò che occorre per entrarvi nella testa e farvela esplodere in mille pezzi. Il classico lavoro super underground, registrato- letteralmente - nel garage di casa che, se ben spinto, riuscirà sicuramente ad avere un bacino d'utenza più ampio. E non oso immaginare il pogo violentissimo che si scatenerà in live. Non so perché, ma i Lesnar Suplex li vedo benissimo in qualche festival grindcore/porno grind dove, tra fango e birra, la gente si ammazza nel pit.
Complimenti ragazzi, un prodotto davvero fresco ed interessante, ben suonato e dal sound grezzo e marcio come i mitici anni '90 ci hanno abituato. Mi mancavano queste sonorità.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

“Alien Doppelgänger”, il primo ottimo disco solista di Alex Mele
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla