A+ A A-
 

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro Hot

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro

recensioni

gruppo
titolo
Infinite Forms of Torture
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Australia 

GENERE: Blackened Death Metal 

FFO: Necrophobic, Belphegor, Behemoth, Hate, God Dethroned 

LINE UP: 
Nic Webb - vocals 
Christopher Puglia - guitars 
Daniel Saeed - bass 
Mateja Ostrugnaj - drums 

TRACKLIST: 
1. Infinite Forms of Torture [03:32] =VIDEO= 
2. Hadethma [03:19] 
3. Nocturnal Forest [05:24] 

Running time: 12:15 

opinioni autore

 
Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro 2019-11-27 19:29:00 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    27 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debuttano con questo breve EP a titolo "Infinite Forms of Torture" gli australiani Alchemy, blackened death metallers che nel poco tempo dalla loro formazione si sono fatti già notare anche in sede live, suonando da supporting act per gruppi come Psycroptic, Obscura e Disentomb, oltre che andare in tour in Giappone con Hypocrisy e Kataklysm poco dopo la realizzazione del suddetto EP. Tre brani che mettono in mostra una band che non pretende d'inventare nulla di nuovo, ci mancherebbe, ma che ha ben chiara la direzione che ha voluto prendere, grazie ad un sound che molto deve alla scuola svedese (Necrophobic in primis) grazie ad un sapiente uso di taglienti melodie che danno un più ampio respiro a brani in cui non possiamo non trovare richiami alla brutale compattezza di Behemoth e Belphegor. La title-track, "Hadethma" e "Nocturnal Forest" sono tre brani taglienti e feroci, votati alla violenza sonora ed alla velocità tout court, fatta eccezione per la parte centrale della traccia conclusiva. Ed a nostro avviso è da quanto possiamo ascoltare in "Nocturnal Forest" che gli Alchemy devono ripartire per i lavori futuri, essendo questo il brano più completo del lotto e che mette in mostra tutte le doti dei Nostri.
"Infinite Forms of Torture" è un buon viatico per 'fare la conoscenza' con questa band australiana; una band che sembra avere tutte le carte in regola per farsi valere tra le più interessanti novità per il genere: non resta che aspettare e vedere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Deviate Damaen: metallo intellettuale
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ritorno eccezionale per i siciliani Acacia
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo masterpiece d'oscura malinconia da parte degli Officium Triste
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Crystal Eyes si confermano su livelli di eccellenza
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Magari i Running Wild fossero ispirati come gli Stormwarrior!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Lost In Oblivion: un debutto promettente
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ombra dei Cradle of Filth copre del tutto l'operato degli Astaroth Incarnate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei nostrani Bloody Unicorn è poco convincente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla