A+ A A-
 

Heavy tradizionale per i Ritual Steel Heavy tradizionale per i Ritual Steel

Heavy tradizionale per i Ritual Steel

recensioni

titolo
V
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLISTING

1. Does Tomorrow Exist

2. Civil Unrest

3. Jackyl & Hyde

4. Kingdom Of Death

5. Doomonic Power

6. The Evil Elite

7. Confrontation On The Frontlines

8. Ritual Steel II

9. The Ritual Steel Hammer

Total Playing Time: 44:25 min

 

LINE-UP

John Cason – vocals

Sven Böge – rhythm-, leadguitars, bass

Martin Zellmer – drums, percussion

opinioni autore

 
Heavy tradizionale per i Ritual Steel 2019-11-08 10:25:27 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    08 Novembre, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alcune pubblicazioni alle spalle e ora questo nuovo “V”; i Ritual Steel arrivano dal nord della Germania con nove brani di puro heavy metal.

Niente di nuovo e soprattutto niente di così interessante lungo i tre quarti d'ora di musica proposta dal terzetto teutonico a cui manca il guizzo vincente. Sarebbe servita un po' di rabbia maggiore od un toccco melodico più ricercato, invece quello che troviamo è troppo lineare. “Kingdom Of Death” prova ad esaltare e ci riesce almeno in parte con un buon incedere fino ad un refrain bello carico ma non avrebbe gustato una dose di potenza maggiore. Le chitarre di Sven Böge si muovono in modo dinamico in “Doomonic Power” ma anche qui non tutto funziona a dovere visto che al microfono il singer americano John Cason non riesce mai a cambiare registro mentre qualche acuto qua e là avrebbe giovato alla causa. A chiudere ci pensa la portentosa “The Ritual Steel Hammer”, tra Us power e classic heavy metal con un tocco thrash.

Insomma come avrete potuto intuire ci sono diversi 'ma' in questa recensione. “V” è un lavoro di onesto heavy metal che senza appunto quei ma sarebbe potuto essere qualcosina in più.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per i Nocturnus AD un debut album che sarebbe potuto andar bene trent'anni fa
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla