A+ A A-
 

Il primo "album internazionale" per i Manntra Il primo "album internazionale" per i Manntra

Il primo "album internazionale" per i Manntra

recensioni

gruppo
titolo
Oyka!
etichetta
NoCut
Anno

PROVENIENZA: Croazia
GENERE: Folk Metal/ Industrial/ Slavic/ Gothic
LINE UP:
Andrea Kert - Batteria
Boris Kolarić - Chitarra/ Cornamusa/ Mandolino
Marko "Pure" Purišić - Chitarra
Maja Kolarić - Basso
Marko Matijević Sekul  - Voce/ Chitarra/ Sintetizzatore
TRACKLIST:
1. Oyka
2. Yelena
3. Kroation (Feat. Michael Rhein - In Extremo)
4. Dance
5. In The Shadows
6. Everlasting
7. Fire In The Sky
8. Nevera
9. Rakhia
10. Sanjaj
11. Murter (Croatian Version)
12. Yelena (Live)

opinioni autore

 
Il primo "album internazionale" per i Manntra 2019-10-20 10:19:11 Marianna
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Marianna    20 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oyka! È la quarta fatica del gruppo croato Manntra; frutto della fatica di tutti i componenti, porta con sé la voglia di “cambiamento” e sperimentazione con testi in lingua inglese. Il titolo dell'album non è che un termine croato volto ad indicare una ragazza vergine in attesa di essere scelta da un uomo; ciò racchiude l'invito della band a perdersi nella propria musica.

Il disco si presenta come una “travolgente” ballata Folk, capace di far immergere a pieno l'ascoltatore nei profumi, sensazioni ed esperienze dei Balcani. L'idea è quella di ascoltare una fusione tra i primi Eluveitie, Tanzwut e gli stessi In Extremo (da notare la partecipazione di Michael Rhein nel brano “Kroation” ndr.). I riffs duri ben si sposano con le atmosfere piu Folk di flauti, cornamuse e mandolini; la track:“Dance”, ben rappresenta quanto espresso sopra. I cori quasi “festosi”, uniti ad un ritornello orecchiabile e “schitarrate”, invogliano in irresistibili danze (come dice lo stesso titolo ndr.). L'atmosfera “travolgente” si trascina fino al brano seguente: “In The Shadows”, forse il più “commerciale” di tutta la tracklist. La voce di Marko M. Sekul (vocalist e produttore di Oyka! Ndr.), ben si adatta a tutte le sfacettature musicali di questo lavoro. Se il pezzo citato pocanzi egli appare più Rock, su “tonalità” fruibili ad un pubblico più “mainstream”, è in “Everlasting” che mostra il suo lato più profondo ed “intimo”.
Proseguendo nell'ascolto troviamo l'interessante: “Nevera”, le cui parti corali nel ritornello, uniti a cornamusa e sintetizzatore, fanno emergere l'anima allegra e “festosa” dei Manntra. Le atmosfere più “cupe” e (quasi) gothiche, ben si sposano con lo spirito folk del gruppo e delle loro origini.

I Nostri, in questo primo “album internazionale”, raccontano le proprie Terre, Storia, leggende e persone che vi abitano, convogliando tutto questo Sapere ed energia, in una prodotto Folk e moderno. L'utilizzo di strumenti “contemporanei” (chitarre elettriche e sintetizzatore), a quelli più folkloristici (“pelli”, cornamusa e mandolino), ben rappresentano l'anima e la Storia del popolo croato. I Manntra riesco a far vivere nella loro musica l'essenza della Croazia: Paese legato alle proprie radici ma con lo sguardo verso la modernità; un “lungo” filo tra passato e presente, fatto di tradizioni e cambiamento.
Oyka! È un disco Folk Metal, adatto agli amanti di bands come Eluveitie o In Extremo, le cui influenze si riscontrano un po' ovunque.
Purtroppo apprendiamo che nel tour promozionale, non viene contemplata l'Italia; forse per non “azzardare” troppo, si è scelto di rimanere in nazioni con gusti più “affini” ai propri.
Auspichiamo, nel corso del prossimo anno, di vederli calcare anche i nostri palchi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per i Nocturnus AD un debut album che sarebbe potuto andar bene trent'anni fa
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla