A+ A A-
 

Progressive Death ipertecnico, atmosfere mediorientali: per gli indiani Dark Helm questo è quasi un secondo debutto Progressive Death ipertecnico, atmosfere mediorientali: per gli indiani Dark Helm questo è quasi un secondo debutto Hot

Progressive Death ipertecnico, atmosfere mediorientali: per gli indiani Dark Helm questo è quasi un secondo debutto

recensioni

gruppo
titolo
Hymnus de Antitheist
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: India 

GENERE: Progressive Death Metal 

FFO: Necrophagist, Obscura, Gorod, Alkaloid, Fractal Universe 

LINE UP: 
Dhairya Anand - vocals
Mohanish Deshmukh - guitars, keyboards, programming
Shubhrayu De - bass
Arijeet Mohapatra - drums 

TRACKLIST: 
1. At Dawn [03:12] 
2. Cilice [07:18] 
3. Eulogy [04:16] 
4. Embers [03:45] 
5. Akasha [05:21] =ASCOLTA= 
6. Loss Laments [05:28] =ASCOLTA= 
7. Obey [04:34] =ASCOLTA= 
8. Asleep at the Wheel [04:30] 
9. Fallacy [01:50] 

Running time: 40:14 

opinioni autore

 
Progressive Death ipertecnico, atmosfere mediorientali: per gli indiani Dark Helm questo è quasi un secondo debutto 2019-10-15 17:04:28 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Ottobre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ammetto che non avevo minimamente idea di chi fossero i Dark Helm, prima che mi arrivasse il promo di questo "Hymnus de Antitheist", secondo album per la band proveniente dall'India. Nati poco più di una decina d'anni fa come band che mischiava il Middle-Eastern Folk al Deathcore, la band guidata dal chitarrista Mohanish Deshmukh (sì, ho dovuto fare copia/incolla, n.d.a.) ha col tempo mutato il proprio sound: pur mantenendo elementi folkloristici della loro millenaria terra d'origine, i Dark Helm hanno virato un granitico e discretamente tecnico Progressive Death. Può quasi sembrar strano, ma sono i momenti in cui compaiono gli elementi mediorientali che possono essere indicati come i momenti deboli di quest'album, ma non perché possano essere brutti o, che so, stranianti... anzi offron ancor più spunti d'interesse ad un'opera di per sé già buonissima, ma è che, specie nei momenti in cui si spinge più sull'acceleratore, il tutto suona un po' troppo caotico. Un esempio di tutti i pregi e tutti i difetti di "Hymnus de Antitheist" lo abbiamo con la traccia che apre il disco (dopo l'intro strumentale "At Dawn"): la lunga "Cilice" presenta tanto quei momenti caotici di cui sopra, tanto tutti gli elementi che rendono interessantissima la proposta dei Dark Helm, fatta di passaggi squisitamente Progressive (Necrophagist, Obscura e Gorod sono senza dubbio dei punti di riferimento), dissonanze 'meshugghiane', momenti folk in cui le atmosfere mediorientali riescono ad affascinare tremendamente... ed una parte centrale quieta, quasi eterea, in cui l'uso delle clean vocals da parte di Dhairya Anand mi hanno ricordato non poco i francesi Fractal Universe. Il resto della tracklist è, fondamentalmente, il paradiso dei malati dell'ipertecnica applicata al Death Metal: gli orfani dei Necrophagist avranno di che goderne con pezzi come "Eulogy", "Akasha", "Obey"...
Uscito il giorno di Natale del 2018 - e recensito colpevolmente dieci mesi dopo, mea culpa -, "Hymnus de Antitheist" è come se fosse un secondo debutto per la Progressive Death Metal band indiana; scorrendo quest'album sembra quasi d'ascoltare una di quelle band canadesi che ormai regnano in questo particolare genere. Senza dubbio, i Dark Helm si sono rivelati una piacevolissima scoperta.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per i Nocturnus AD un debut album che sarebbe potuto andar bene trent'anni fa
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla