A+ A A-
 

Per i Visceral Disgorge un ritorno all'insegna della brutalità: e non poteva essere niente di diverso Per i Visceral Disgorge un ritorno all'insegna della brutalità: e non poteva essere niente di diverso

Per i Visceral Disgorge un ritorno all'insegna della brutalità: e non poteva essere niente di diverso

recensioni

titolo
Slithering Evisceration
etichetta
Agonia Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Brutal Death Metal 

FFO: Devourment, Abominable Putridity, Suffocation, Disentomb, Katalepsy 

LINE UP: 
Travis Werner - vocals 
Steve Miles - guitars 
Charlie Marvel - guitars 
Eric Little - bass 
Billy Denne - drums 

TRACKLIST: 
1. Slithering Evisceration [01:37] 
2. Fucked into Oblivion [03:53] 
3. Architects of Warping Flesh [02:43] 
4. Saprogenic Deformation [03:19] 
5. Absorberd by the Swarm [03:26] 
6. Siphoning Cosmic Sentience [03:20] 
7. Necrotic Biogenesis [03:09] 
8. Soawn of Putridity [02:55] 
9. Transfixed in Torture [07:31] 

Running time: 31:53 

opinioni autore

 
Per i Visceral Disgorge un ritorno all'insegna della brutalità: e non poteva essere niente di diverso 2019-09-12 18:04:29 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono passati ben otto anni da quel "Ingesting Putridity" che segnò il debutto dei Visceral Disgorge, otto anni in cui la band di Baltimore si è fatta pesantemente le ossa suonando live, divenendo man mano un nome di discreto richiamo della sfera Slam - con i colossi Devourment, Abominable Putridity, Katalepsy i cui richiami sono facilmente riscontrabili nel sound del quintetto qui in esame -. E' l'intro che porta il nome dell'album, "Slithering Evisceration", a dare il via a quello che è il secondo album dei Visceral Disgorge; un album che sostanzialmente è formato dagli stessi ingredienti dell'esordio di otto anni fa: un approccio estremamente brutale guidato dal cavernoso growl del frontman Travis Werner, blast beat allucinanti ed un groove pazzesco figlio degli insegnamenti dei già citati Devourment e Abominable Putridity, e degli immancabili Dying Fetus. "Slithering Evisceration" è, a tutti gli effetti, un disco ben quadrato che mette in mostra soprattutto l'esperienza accumulato dal quintetto di Baltimore nel corso di questi anni, dato soprattutto il tasso tecnico accresciuto nel frattempo, come è possibile sentire ad esempio nei tre azzeccatissimi singoli apripista "Fucked into Oblivion", "Architects of Warping Flesh" e "Necrotic Biogenesis", per quanto il vero highlight dell'album è probabilmente la tellurica "Saprogenic Deformation".
La speranza ora è che non ci sia bisogno di altri otto anni per un nuovo lavoro dei Visceral Disgorge; con "Slithering Evisceration" la band statunitense offre una prova muscolare e dimostra come non abbia nulla in meno rispetto anche a bands ben più blasonate. La mezz'ora di vortice violento di "Slithering Evisceration" è, insomma, ampiamente promosso.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per gli Ereb Altor, sempre nel nome di Quorthon
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova label ed una nuova formazione sembrano aver fatto bene ai finlandesi Urn
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto album per i nipponici Coffins ed il loro Doom/Death a 360°
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mysterizer, heavy metal potente e grintoso ma poco incisivoI
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che hard rock in questo progetto solista di Duane Morano!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Driving Force, dedizione tanta, sostanza un po' meno
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio per i Song Of Anhubis: quando il non investire ha le sue conseguenze!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, non la solita female fronted symphonic metal band!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kairos: classico heavy metal dalla Svezia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo generici e standard i nostrani Bonded By Hate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che sorpresa i Mighty Thor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla