A+ A A-
 

Che sorpresa i Mighty Thor! Che sorpresa i Mighty Thor! Hot

Che sorpresa i Mighty Thor!

recensioni

titolo
"Ragnarok"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1. Las eddas

2. El poder del martillo

3. Palmo de tierra

4. Thor

5. El regreso del Rey

6. Mi refugio

7. Luz de Azgard

8. El ocaso del los Dioses

9. Ragnarok

10. Vientos de guerra

 

 

LINE-UP:

Eduardo Gutiérrez – guitar

Jean Pinet – bass

Mario Dorantes – guitar

Moisés Flores – drums

Uidemar Gómez - vocals

opinioni autore

 
Che sorpresa i Mighty Thor! 2019-09-01 10:21:23 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    01 Settembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 01 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano da Città del Messico i Mighty Thor, band formatasi nel 2001, con all’attivo, dopo un demo nel 2003, due full-lenghts (“Rumbo al Valhalla” del 2011 ed “El metal no morirà” del 2013) purtroppo a me sconosciuti (ma spero presto di poterli recuperare!). A giugno di quest’anno la band centro-americana si è autoprodotta il terzo album, intitolato “Ragnarok”, registrato magistralmente nei Domination Studio di Simone Mularoni (ormai una vera e propria garanzia di qualità!). Il sound dei Mighty Thor affonda le proprie radici nel più classico power metal cantato in lingua spagnola, di gente come Avalanch, Tierra Santa, primi Arwen ecc., ma anche un certo flavour neo-classicheggiante, tipico di certo symphonic-power italico. Ecco quindi un’attenzione notevole alle melodie (la splendida ballad “Mi refugio” è rappresentativa in tal senso), ma anche all’orecchiabilità (e qui c’è l’imbarazzo della scelta tra i vari pezzi dell’album!), con un senso di allegria di fondo che permea tutto il lavoro. Lo strumento principale sono le due chitarre, che ricamano parti soliste veloci e di gran gusto; anche basso e batteria fanno il loro lavoro alla grande, dando spesso un ritmo decisamente frizzante. C’è poi il singer Uidemar Gómez, dotato di ugola pulita ed acuta, decisamente indovinata per lo stile musicale della band. Ascoltare i 10 pezzi di questo disco, per poco più di ¾ d’ora di durata, è decisamente piacevole, con la rara virtù che alla fine di ogni ascolto veniva davvero voglia di pigiare ancora il tasto “play”! Sarei in difficoltà se dovessi scegliere i pezzi migliori dell’album, dato che è l’intero lavoro a sorprendere per compattezza e qualità; forse forse, però, punterei su “Luz de Azgard”, la più vicina al symphonic, e sulla velocissima “El poder del martillo” che odora alquanto di primi Tierra Santa. In un music business che ci ammorba di immondizie musicali, sorprende come una band di gran valore come questi Mighty Thor sia ancora costretta all’autoproduzione per un disco eccellente come questo “Ragnarok”.... possibile che parlare di vichinghi e mitologia norrena in Messico appaia poco credibile?

Trovi utile questa opinione? 
272
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per gli Ereb Altor, sempre nel nome di Quorthon
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova label ed una nuova formazione sembrano aver fatto bene ai finlandesi Urn
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto album per i nipponici Coffins ed il loro Doom/Death a 360°
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mysterizer, heavy metal potente e grintoso ma poco incisivoI
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che hard rock in questo progetto solista di Duane Morano!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Driving Force, dedizione tanta, sostanza un po' meno
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio per i Song Of Anhubis: quando il non investire ha le sue conseguenze!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, non la solita female fronted symphonic metal band!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kairos: classico heavy metal dalla Svezia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo generici e standard i nostrani Bonded By Hate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che sorpresa i Mighty Thor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla