A+ A A-
 

Un pò troppo scontato il melodic hard rock dei Nitrate Un pò troppo scontato il melodic hard rock dei Nitrate Nuovo

Un pò troppo scontato il melodic hard rock dei Nitrate

recensioni

gruppo
titolo
Open Wide
etichetta
Aor Heaven
Anno

Track List: 1. You Want it, You Got It 2. Night Time City 3. Only A Heartache Away 4. Heart Go

Wild 5. I Don’t Want To Live 6. Never Surrender 7. Heartbreak Suicide 8. In The Night 9. Bad Girls 10. Shot In The Dark

 

Nitrate is: Nick Hogg – Bass Guitar & Keyboards; Rob Wylde – Rhythm

Guitars, Keyboards, Backing vocals; Philip Lindstrand – Lead & Backing Vocals;

Pete Newdeck – Drums & Backing vocals; Marcus Thurston – Lead Guitar

opinioni autore

 
Un pò troppo scontato il melodic hard rock dei Nitrate 2019-07-12 09:54:22 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    12 Luglio, 2019
Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Nitrate sono una band nordica (che novità!) che arriva al secondo disco in studio con questo “Open Wide”, che segue il debutto “Realworld” stampato lo scorso anno.

Melodic hard rock piuttosto diretto, senza troppa innovazione, anzi il sound del quintetto scandivavo punta su un sound molto ottantiano che molto deve alla scena Aor e a Def Leppard e Bon Jovi. Brani dall'impatto immediato come “You Want it, You Got It” e “Night Time City” che mostrano anche l'altra faccia della medaglia dei Nitrate, ovvero la poca personalità che è piuttosto evidente durante i dieci pezzi che compongono il disco (basta ascoltare la scontata “Only A Heartache Away”). Insomma sono pochi i sussulti, nonostante le melodie calde della lenta “In The Night” e la più energica “Heart Go Wild”, probabile hit del disco.

“Open Wide” è un lavoro discreto, che rimane staccato dai numerosi dischi di qualità che incontriamo spesso. Un lavoro destinato solamente ai cultori del genere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla