A+ A A-
 

Sonorità psichedeliche e settantiane per gli svedesi Blå Lotus Sonorità psichedeliche e settantiane per gli svedesi Blå Lotus

Sonorità psichedeliche e settantiane per gli svedesi Blå Lotus

recensioni

titolo
Högtid
etichetta
Melodic Revolution Records
Anno

Line Up
Fredrik Andersson: Hammond and Farfisa Organ, Mellotron, Synthesizer, Electric Piano, Flute & Vocals
Linus Karlsson: Bass Guitar, Theremin & Random Sound Effects
Wiktor Nydén: Drums & Percussion

Track List:
01. Pagan Solstice
02. Open Hand On All Fours
03. Unreal Estate
04. While You Were Asleep
05. Gånglåt
06. Summer Demons
07. Rats'n Brats

opinioni autore

 
Sonorità psichedeliche e settantiane per gli svedesi Blå Lotus 2019-07-08 10:57:37 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    08 Luglio, 2019
Ultimo aggiornamento: 08 Luglio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gran bell'esempio di prog rock dalle sonorità psichedeliche e settantiane per gli svedesi Blå Lotus che arrivano a pubblicare il loro secondo disco in studio con questo “Högtid”.

Solamente sette brani ma ricchi di emozioni e di atmosfere che cambiano con hammond e organo che giocano un ruolo da assoluti protagonisti insieme a sintetizzatori che circondano i pezzi accompagnando le linee melodiche malinconiche del singer Fredrik Andersson, leader della band che si occupa anche di tutte le tastiere e degli arrangiamenti. Niente chitarre per le composizioni dei Blå Lotus che come scelta han deciso di puntare su altri strumenti per elaborare e creare il proprio sound. Sono ben tre i pezzi che superano i nove minuti di durata complessivi. “Pagan Solstice”, “Unreal Estate” e “Summer Demons” si snodano tra parti psichedeliche, qualche momento folk ed un tocco vintage sempre presente creando atmosfere ambient con una forte visione di un prog rock intenso e complesso creando orizzonti sonori dinamici e sognanti.

“Högtid” è un disco da ascoltare. Non è un lavoro per tutti ma se siete dentro queste sonorità o avete voglia di tuffarvi su territori complessi ma in grado di restituirvi forti emozioni, allora fatelo con i Blå Lotus.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla