A+ A A-
 

Un buon album per gli amanti del Death dei primi 90's da parte dei Nucleus Un buon album per gli amanti del Death dei primi 90's da parte dei Nucleus

Un buon album per gli amanti del Death dei primi 90's da parte dei Nucleus

recensioni

gruppo
titolo
Entity
etichetta
Unspeakable Axe Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal 

FFO: Immolation, Adramelech, Demilich, Nocturnus 

LINE UP: 
Dave Muntean - vocals, guitars 
Dan Ozcanli - guitars 
Ryan Reynolds - bass 
Pat O'Hara - drums 

TRACKLIST: 
1. Arrival [06:32] 
2. Entity [04:30] 
3. Uplift [05:09] 
4. Mobilization [04:48] 
5. Approach [03:29] 
6. Outpost [03:51] 
7. Dominion [05:40] 
8. Timechasm [04:25] 

Running time: 38:24 

opinioni autore

 
Un buon album per gli amanti del Death dei primi 90's da parte dei Nucleus 2019-06-15 15:09:10 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abbiamo già incontrato gli statunitensi Nucleus un paio d'anni fa, quando su queste pagine venne recensito il loro split con i Macabra, un lavoro che fu definito interessante nel contenuto, ma non per come veniva presentato, con una produzione scadente, dozzinale. Fortuna vuole che questo secondo album targato Nucleus, "Entity", esca sotto Unspeakable Axe Records, label attenta a rilasciare lavori che siano prettamente old school ma che non risultino essere un'accozzaglia di suoni indistinti. Quello che ci offrono i Nucleus è un Death Metal dall'approccio vicino a quello di inizi anni '90, con influenze principali che vanno ricercate, come già scrissi illo tempore, in Demilich ed Immolation. Con "Entity" i Nostri ci regalano un album che non pretende chissà cosa: diretto, per certi versi caotico, con sound e produzione dal sapore 'vintage'. Eppure i Nucleus sono anche ben attenti a dare una maggior ariosità ai loro pezzi con l'inserimento di fraseggi più melodici, non disdegnando nemmeno di strizzare l'occhio a momenti più thrashy ("Uplift" l'esempio più lampante); i Nucleus hanno, insomma, apportato qualche piccola novità all'interno del proprio sound senza che però ne venisse snaturata la propria natura, tanto che tra i ligi allievi delle due leggendarie bands succitate, la band di Chicago (insieme ai Blood Incantation) è da considerarsi tra le più interessanti in circolazione.
Tra tematiche sci-fi, che da queste parti hanno sempre la loro bella presa, e sonorità squisitamente marce, i Nucleus superano brillantemente la prova della seconda uscita, con un album che, a conti fatti, supera agevolmente la semplice sufficienza.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla