A+ A A-
 

Thrash con sfumature prog in questo primo full-length dei tedeschi Sweeping Death Thrash con sfumature prog in questo primo full-length dei tedeschi Sweeping Death Hot

Thrash con sfumature prog in questo primo full-length dei tedeschi Sweeping Death

recensioni

titolo
In Lucid
etichetta
autoprodotto
Anno

Tracklist:

1. Eulogue

2. Blues Funeral

3. Horror Infernal

4. Suicide of a Chiromantist

5. Purpose (instrumental)

6. Resonanz

7. Antitecture

8. Lucid Sin

9. Stratus

 

Line-up:

Elias Witzigmann - lead vocals

Simon Bertl - guitar, backing vocals

Markus Heilmeier - guitar

Tobias Kasper - drums, piano

Andreas Bertl - bass

opinioni autore

 
Thrash con sfumature prog in questo primo full-length dei tedeschi Sweeping Death 2019-06-14 18:54:27 Virgilio
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Virgilio    14 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Sweeping Death nascono nel 2012 come Order of Priority, cambiando nome e stabilizzando la line-up nel 2016. Dopo un ep pubblicato nel 2017, intitolato "Astoria", orientato verso un tipico tecno-thrash, arriva l'anno successivo il loro primo album vero e proprio, "In Lucid". Pur mantenendo una matrice fondamentalmente thrash, la band si sforza di suonare in maniera un po' più articolata, ma anche più raffinata. Al di là dei fantasiosi accostamenti a Fates Warning, Psychotic Waltz o Opeth, che abbiamo avuto modo di leggere nelle note di presentazione al promo, in effetti si possono ravvisare in alcune tracce venature prog, quali ad esempio "Antitecture" o la title-track. In linea di massima, i brani sono caratterizzati comunque da riff duri e suoni molto secchi, che lasciano spazio ogni tanto a qualche intermezzo più atmosferico o arpeggiato. La voce, di solito roca e dura, dà la sensazione di essere molto "teutonica", seguendo un approccio che potrebbe far pensare a Chris Boltendahl o ad Hansi Kursch, benchè il cantante Elias Witzigmann poi sappia pure cantare su tonalità più alte, come dimostra sporadicamente in qualche traccia (ad esempio in "Resonanz"). Ci sono pure inserti pianistici (a cura del batterista Tobias Kasper), anzi, l'intro "Eulogue" e la strumentale "Purpose" sono interamente pianistiche, ma a questo punto sarebbero stati a nostro avviso apprezzabili ulteriori inserti anche in altri brani (o magari con le tastiere), dato che anzi avrebbero meglio riempito questi suoni asciutti e taglienti proposti dalle chitarre. Scorrendo la tracklist, dopo l'opener "Eulogue", ritroviamo "Blues Funeral", caratterizzata da un buon refrain, alla quale segue "Horror Infernal, fondamentalmente un pezzo thrash. Ci ha convinti poco "Suicide of a Chiromantist, dove la band sembra intenzionata a suonare prog in un pezzo di quasi dieci minuti ma fallisce miseramente, peraltro insistendo su un ritornello piuttosto debole. Dopo la già citata "Purpose", "Resonanz" è una mezza delusione, perchè parte molto bene, ma poi ci è sembrata inadeguata tutta la parte strumentale. Decisamente meglio le sopra menzionate "Antitecture" e la title-track, mentre la conclusiva "Stratus" è un pezzo alquanto anonimo. Insomma, rispetto agli esordi si ravvisa una certa evoluzione nel sound dei Sweeping Death, che tuttavia al momento non si è compiuta in maniera definitiva. I pezzi non sono poi particolarmente tecnici, non sono prog nel senso stretto del termine e denotano un'aggressività che li fa accostare più facilmente al thrash, per quanto la band si stia evidentemente lentamente allontanando dagli stilemi propri del genere. Vediamo come i Sweeping Death si orienteranno in futuro: al momento, possiamo dire che "In Lucid" è un disco un po' altalenante che, come si suol dire, non pare nè carne nè pesce, nel senso che probabilmente farà storcere il muso ai progsters, ma che probabilmente non lascerà pienamente soddisfatti neppure gli amanti del thrash.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per gli Ereb Altor, sempre nel nome di Quorthon
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova label ed una nuova formazione sembrano aver fatto bene ai finlandesi Urn
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto album per i nipponici Coffins ed il loro Doom/Death a 360°
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mysterizer, heavy metal potente e grintoso ma poco incisivoI
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che hard rock in questo progetto solista di Duane Morano!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Driving Force, dedizione tanta, sostanza un po' meno
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio per i Song Of Anhubis: quando il non investire ha le sue conseguenze!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, non la solita female fronted symphonic metal band!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kairos: classico heavy metal dalla Svezia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo generici e standard i nostrani Bonded By Hate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che sorpresa i Mighty Thor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla