A+ A A-
 

Dopo anni di assenza ritornano in auge gli ucraini Polynove Pole!!! Dopo anni di assenza ritornano in auge gli ucraini Polynove Pole!!! Hot

Dopo anni di assenza ritornano in auge gli ucraini Polynove Pole!!!

recensioni

titolo
On The Edge Of Sanity
etichetta
Wormwood Field Records
Anno

1. Сивий ангел (Grey Angel)
2. Каїнові діти (Cain’s Children)
3. Вогні в тумані (Lights in the Fog)
4. Нічні птахи (The Nightbirds) – Remake 2017
5. On the Edge of the Abyss

opinioni autore

 
Dopo anni di assenza ritornano in auge gli ucraini Polynove Pole!!! 2019-06-14 18:27:57 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    14 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La carriera degli ucraini Полинове Поле, chiamati anche Polynove Pole, non è stata facile nel corso degli anni. Il quintetto nasce nel 2004 e dopo una manciata di EP e numerosi concerti locali sparisce dalle scene per sette anni per poi ricomparire con una nuova lineup ed un nuovo dischetto (cinque tracce) ossia questo On The Edge Of Sanity. Le idee sonore sono comunque chiare ossia riportare in auge il gothic metal degli anni 90’ infarcendolo di doom metal e qualche spruzzata sinfonica.

E’ un opera totalmente lontana da ciò che è diventato il gothic metal moderno, totalmente deflagrato dall’animo oscuro dei bei tempi in favore di un appeal quasi radiofonico, e si sente subito. Il buio sovrasta ogni cosa e la prima traccia “Сивий Ангел (Grey Angel)” è lì a dimostrarlo con quel mood tragico dettato da un guitarwork cupissimo sia nei riffs che negli arpeggi/assolo pregni di melodie malinconiche. La sezione ritmica è spesso marziale e fa da giusto supporto senza mettersi troppo in mostra. Le vocals sono due, una femminile ed angelica ma mai troppo sopra le righe ed una maschile dedita al growl che si danno spesso battaglia ma rimanendo sempre bilanciate. Molte volte ci si imbatte in intermezzi atmosferici sfiziosi ben contornati da interessanti variazioni strumentali su base doom metal. Sia chiaro, il risultato non è granché originale però la qualità si percepisce richiamando alla mente cosa dovrebbe essere davvero il gothic. “Каїнові Діти (Cain's Children)” unisce al sound sezioni corali ed orchestrazioni (la traccia più symphonic metal del lotto ma mai troppo easy o melensa) ed anche in questo caso il minutaggio è medio alto ma non si sente mai una noia opprimente grazie alle diverse sfumature presenti nel CD che dimostrano classe e raffinatezza (nuovamente intrigante il lavoro solista di chitarra). “Вогні В Тумані (Lights In The Fog)” è un intermezzo di piano magico e decadente che prepara per la successiva “Нічні Птахи (The Nightbirds) - remake 2017” che sarebbe in pratica nuova versione di un pezzo già pubblicato. Non avendo ascoltato la versione originale bisogna valutarlo a sé. E’ un brano che gioca molto sulle melodie, atmosfere e passaggi strumentali dinamici dove le vocals femminili spiccano letteralmente il volo ed il growl lacera sempre con piacere (non a caso i Tristania emergono parecchie volte). La traccia finale e titletrack “On The Edge Of The Abyss” è la forse più quadrata del lotto, la più immediata ed assimilabile ed ha una certa solarità perversa, quasi velenosa chiudendo un’opera che davvero convince in ogni senso nonostante però non ci sia qualcosa che spicca veramente ma in questo caso tutto ciò passa in secondo piano.

Curatissimo anche nella confezione (doppio digipack) il nuovo EP dei rinati Polynove Pole è quanto di meglio si possa cercare in ambito gothic/doom ed in più c’è un disco in più con otto brani live tra cui anche l’esecuzione delle nuove canzoni tutti ben eseguiti con suoni buoni seppur non eccellenti. Ottimo!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla