A+ A A-
 

I Caravela Escarlate sono un trio brasiliano che suona un classico prog rock settantiano. I Caravela Escarlate sono un trio brasiliano che suona un classico prog rock settantiano.

I Caravela Escarlate sono un trio brasiliano che suona un classico prog rock settantiano.

recensioni

titolo
Caravela Escarlate
etichetta
Karisma records
Anno

Line-up:

David Paiva - bass, guitars, vocals

Ronaldo Rodrigues - keyboards

Elcio Càfaro - drums

 

Tracklist: 

1. Um Brilho Fragil no Infinito 

2. Caravela Escarlate

3. Atmosfera

4. Gigantes da Destruicao

5. Toque as Constelacoes

6. Futuro Passado

7. Cosmos

8. Planeta-Estrela

opinioni autore

 
I Caravela Escarlate sono un trio brasiliano che suona un classico prog rock settantiano. 2019-05-15 16:10:56 Virgilio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Virgilio    15 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Caravela Escarlate sono un gruppo brasiliano formatosi nel 2011, che aveva esordito con l'album "Raschuno", al quale seguiva questo omonimo, originariamente pubblicato nel 2017 come disco autoprodotto e ora reso disponibile al mercato internazionale tramite la Karisma records. Si tratta di un trio dedito ad un classico prog rock settantiano, ispirato dichiaratamente allo space rock ma soprattutto al prog rock inglese ed italiano, con forti influenze innanzitutto degli Yes, ma che ricorda parecchio pure gli Emerson Lake & Palmer, anche per questa formazione a tre dove hanno un ruolo preponderante le tastiere e per la presenza di un cantante/bassista. Le tracce sono chiaramente in media piuttosto lunghe, come il genere suonato (quasi) impone e sono parecchio articolate con diverse variazioni tematiche ma, come dicevamo, sono appunto incentrate soprattutto sulle tastiere di Ronaldo Rodrigues, che conducono le canzoni per tutta la durata, spesso con gli altri strumenti che fungono da semplice accompagnamento; la scelta dei timbri è poi volutamente tipica di sonorità settantiane e ciò rende questo disco dei Caravela Escarlate rivolto essenzialmente agli amanti del genere, quasi un lavoro di nicchia ben poco aperto a novità o aggiornamenti, come se il tempo si fosse cristallizzato in una specifica epoca, che i tre musicisti mirano a riproporre pedissequamente. La particolarità, semmai, è che pur con influenze così forti del prog rock inglese, la band abbia scelto di utilizzare la propria lingua madre per il cantato, per cui tutti i brani sono appunto in portoghese, salvo "Atmosfera" che è interamente strumentale. In conclusione, come abbiamo specificato, partendo dal presupposto che non si tratta di un disco rivolto a chiunque, bensì destinato ad un tipo di audience ben preciso, possiamo considerarlo nel suo genere un buon disco, ben suonato e con qualche spunto interessante, per quanto tuttavia obiettivamente piuttosto derivativo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla