A+ A A-
 

Affaire, dal Portogallo un party rock con poca personalità Affaire, dal Portogallo un party rock con poca personalità

Affaire, dal Portogallo un party rock con poca personalità

recensioni

gruppo
titolo
Less Ain’t More
etichetta
Perris Records
Anno

LINE-UP:

D.D. Mike - Lead vocals,

Rick Rivotti - Guitar & backing vocals,

Tawny Rawk - Bass & backing vocals,

J.P. Costanza - Drums & backing vocals

 

TRACKLIST:

1. Paradise Café

2. Girls Nite Out

3. Southbay Blues

4. Nasty But True

5. Wild Romance

6. SideWalk To A Red Light

7. Unsung Heroes (2 Good 4 Hollywood)

8. Breaking Point

9. Japanese Teaze '89

opinioni autore

 
Affaire, dal Portogallo un party rock con poca personalità 2019-05-15 13:36:01 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    15 Mag, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Party rock dal Portogallo in stile Crazy Lixx ed Hell In The Club; ecco a voi gli Affaire con il loro nuovo disco, secondo in carriera, “Less Ain’t More”.

Un lavoro che mostra la passione di questi musicisti ma che suona ancora un filino acerbo. La personalità della band portoghese non è certo invidiabile e nonostante il disco abbia tutto in regola per risultare un prodotto interessante, a partire da una produzione di primo livello, è il songwriting a scricchiolare un po'. Pochi sussulti insomma tra una dose di rock'n'roll e un'altra e con un sound che molto prende dalle sonorità ottantiane, gli Affaire hanno ancora della strada da fare per compiere un bel passo in avanti in una scena che come diciamo spesso è sempre più affollata. “Nasty But True” è il brano più rappresentativo dell'intera tracklist, un pezzo esplosivo e potente che mostra le doti migliori dell'act iberico.

Date un ascolto agli Affaire, ma l'impressione è che al momento ci sia di meglio in giro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla