A+ A A-
 

I nostrani Anèma virano sul prog oscuro! I nostrani Anèma virano sul prog oscuro! Hot

I nostrani Anèma virano sul prog oscuro!

recensioni

gruppo
titolo
Umana Città
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. Ombre
2. Blu Assoluto
3. Apartheid
4. Inessenzialità
5. Controversa
6. Shake It, Reply
7. Anomala Ipnosi
8. Inverosimile
9. Umana Città

opinioni autore

 
I nostrani Anèma virano sul prog oscuro! 2019-04-03 07:37:39 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    03 Aprile, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qualcuno forse si ricorderà degli Anèma, recensiti sempre su questo sito e del loro positivo esordio avvenuto nel 2017 con After The Sea. Ebbene, la band nostrana ritorna con il secondo disco Umana Città. Molte cose sono cambiate in questo nuovo album (che si andranno magari a descrivere in seguito) a partire dalla copertina totalmente nera e da un approccio al progressive rock che abbandona in parte i ricami degli anni 70’ per abbracciare delle sonorità differenti senza comunque dimenticare i pilastri fondamentali.

C’è molto da chiarire in questo nuovo corso del gruppo che dimostra un deciso miglioramento ed una bella ripulita delle parti che non convincevano in passato. Il cantato si è fatto più deciso e personale e lo si nota fin da subito nell’opener “Ombre” (pregna di groove quasi funky ed una certa fusion mai pesante), ma la cosa che più salta all’orecchio è un’aurea generale decisamente oscura. Oscurità che diventa quasi malinconia come nella deliziosa “Blu Assoluto” con il suo mix dei Novembre (per il suo gusto mediterraneo) e piccoli tocchi elettronici. Compaiono poi il jazz/noir (“Apartheid”), ballad dal sapore pop di classe (“Inessenzialità”), il blues (“Shake It, Reply”) ma in particolare si respira un’aria che arriva direttamente dal neo prog nato tra gli anni 80’ e i 90’. Difatti l’eleganza la fa da padrona in questo album, o meglio, si cerca una via differente rispetto al passato asciugando le sonorità e pennellandole con piccole dosi di tecnicismi. Esempi in tal senso sono la meravigliosa “Controversa” con i suoi chiaroscuri chitarristici o gli eleganti giochi melodici di tastiera (ed una schitarrata finale distorta davvero interessante) e la folle “Anomala Ipnosi” con le sue ritmiche schizzate. La tecnica esecutiva è sicuramente cresciuta ma è la scrittura che è davvero migliorata e lo si nota nella riuscita mescolanza tra parti tecniche e melodie perfettamente equilibrata (si ascoltino la notturna ed intimista “Inverosimile” o l’epica e gloriosa strumentale “Umana Città”) senza per forza copiare del tutto i grandi del passato ma solo ispirandosi alle loro gesta.

Un secondo disco davvero ben fatto, bello e piacevolissimo da ascoltare con pochissimi cali di tensione ed una qualità che sarà apprezzata sicuramente da tutti gli appassionati di grande musica. Una sorta di album di transizione che preannuncia un terzo lavoro super!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla