A+ A A-
 

Servono più ascolti, ma alla fine "Fallen Cathedrals" degli Ashen Horde saprà conquistarvi Servono più ascolti, ma alla fine "Fallen Cathedrals" degli Ashen Horde saprà conquistarvi Hot

Servono più ascolti, ma alla fine "Fallen Cathedrals" degli Ashen Horde saprà conquistarvi

recensioni

titolo
Fallen Cathedrals
etichetta
Extreme Metal Music/Rockshots Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Progressive Black/Death Metal 

FFO: Opeth, Ihsahn, Borknagar 

LINE UP: 
Stevie Boiser - vocals 
Trevor Portz - all instruments 

TRACKLIST: 
1. Parity Lost [07:37] 
2. Profound Darkness [05:22] 
3. Retaliation/Regret [04:45] 
4. The Vanashing [04:36] 
5. Atavism [03:55] 
6. Cages [05:07] 
7. Final Ascent [04:54] 
8. Face the Enmity [07:12] 
9. Primal (Bonus track CD) [04:33] 

Running time: 48:01 

opinioni autore

 
Servono più ascolti, ma alla fine "Fallen Cathedrals" degli Ashen Horde saprà conquistarvi 2019-03-23 16:25:39 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    23 Marzo, 2019
Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quello degli Ashen Horde è uno di quei lavori che va ascoltato più volte e con estrema attenzione, per poterne cogliere tutte le incessanti sfumature, ed ogni volta si nota qualcosa che prima era magari sfuggito. L'ottimo "Fallen Cathedrals" è il terzo disco per questo progetto americano nato come one man band con il solo Trevor Portz, a cui si è unito nel 2016 Stevie Boiser degli Inferi alla voce; tecnicamente questo è il secondo lavoro con la formazione a due elementi, ma considerato che l'EP "The Alchemist" consta in due pezzi per meno di dieci minuti di durata, "Fallen Catherals" può essere considerato il reale esordio della nuova formazione: nove canzoni per quasi 50 minuti di durata che lasciano a bocca aperta passaggio dopo passaggio. Un Extreme Prog che passa in men che non si dica da momenti più marcatamente violenti e, in poche parole, Black/Death, ad altri tecnicamente ineccepibili, fino ad atmosfere progressive che richiamano alla mente soprattutto i lavori solisti di Ihsahn e gli Opeth del primo e medio periodo. Soprattutto Portz si dimostra essere un musicista con i controc...: autore di tutte le musiche degli Ashen Horde, l'artista californiano riesce col suo lavoro, tanto di scrittura quanto d'esecuzione, a tenere sempre altissima la concentrazione dell'ascoltatore: passaggi ora taglienti e feroci, ora compatti e granitici, un'ariosa melodia a dare respiro e via giù a colpire sia da destra che da sinistra senza soluzione di continuità. Una bella mano gli viene poi data dalla buonissima prova vocale di Boiser, qui in una versione forse ancor più completa di quanto possiamo ascoltare negli Inferi. Inutile fare un track-by-track, impossibile consigliare solo uno o due pezzi (per quanto "Retaliation/Regret" e la parte centrale di "The Vanishing" potrebbero facilmente colpirvi di più): "Fallen Cathedrals" è da inserire nel proprio lettore, premere il tasto PLAY e lasciarsi andare ad un lavoro che presenta zero punti deboli. Un buon colpo messo a segno dalla label nostrana Rockshots Records, che ha prodotto gli Ashen Horde attraverso la sub-label Extreme Metal Music: non sono molti i dischi che possono essere considerati così completi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla