A+ A A-
 

Syrence, classic metal ben fatto! Syrence, classic metal ben fatto! Hot

Syrence, classic metal ben fatto!

recensioni

gruppo
titolo
Freedom In Fire
etichetta
Fastball Music
Anno

Tracklist:

Freedom In Fire

Living On The Run

Your War

Fozzy´s Song

Addicted

Symphony

From Ashes To The Sky

Evil Force

Red Gold

Wild Time

Kings Of Speed

Seven Oaks

 

Line Up:

Johnny Vox: Gesang

Fritz Jolas: Bass

Oliver Schlosser: Gitarre

Julian Barkholz: Gitarre

Arndt Streich: Drums

opinioni autore

 
Syrence, classic metal ben fatto! 2019-03-07 11:35:06 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    07 Marzo, 2019
Ultimo aggiornamento: 07 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Okey i Syrence non inventano nulla di nuovo, ma al sottoscritto sono piaciuti eccome. Il loro metal classico trasuda passione e l'ascolto di questo “Freedom In Fire” può sicuramente scaldare i cuori degli appassionati del metal targato anni '80.

Il quintetto tedesco debutta con questo lavoro, un disco che prende spunto dal sound Eighties, unendo heavy metal e hard rock con dodici brani melodici, a partire dalla title track posta in partenza. Non abbiamo certo tra le mani un capolavoro del genere e forse manca qualche vera e propria hit, ma i Syrence mettono sul piatto un disco compatto con brani dal forte impatto, come il mid tempo “Living On The Run” capace di incollarsi subito in testa e la potente “Fozzy´s Song”. Ed è positivo il lavoro alle chitarre della coppia Oliver Schlosser - Julian Barkholz, che non puntano per forza su assoli sparati a mille, ma sanno anche rallentare e coccolare l'ascoltatore con passaggi rilassati e melodici, vedi l'ottimo lavoro sulla già citata “Living On The Run”. Un tocco anni '80 viene fuori con “Symphony” e la veloce “Evil Force” che ci portano su territori alla Fifth Angel, ma la tracklist continua senza pause con la potente “Wild Time” e le sonorità maggiormente hard rock di “Kings Of Speed”.

“Freedom In Fire” è un lavoro di classic metal onesto e ben fatto, per una band al debutto che mostra tutta la propira passione per questa musica. Consigliato!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

“Alien Doppelgänger”, il primo ottimo disco solista di Alex Mele
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla