A+ A A-
 

Intenso rock dalle tinte progressive per Giordano Forlai Intenso rock dalle tinte progressive per Giordano Forlai Hot

Intenso rock dalle tinte progressive per Giordano Forlai

recensioni

titolo
Orso Bianco
etichetta
Autoproduzione
Anno

Orso bianco

Pagine

Sono qui

Sparami

L'altra parte di te

Il viaggio

Nero

Acrobata

Blu

Che cosa siamo noi

Stare soli

Marta

opinioni autore

 
Intenso rock dalle tinte progressive per Giordano Forlai 2019-01-30 11:30:51 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    30 Gennaio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rock all'italiana ma con composto e suonato con una certa classe; questo è “Orso Bianco”, disco solista per l'artista spezzino Giordano Forlai.

Dodici brani intensi, pieni zeppi di melodie calde ed intense e arrangiamenti ricercati. Facile ricordare i Pooh all'ascolto di pezzi come l'opener “Orso Bianco” e “Nero”. Ma in questo lavoro è forte l'impronta progressiva che viene fuori durante la tracklist nei brani “Sono Qui” e “Blu”, bellissimo in quest'ultima il solo di chitarra di Giordano. Tra i momenti migliori del disco troviamo senza dubbio il pezzo scelto come singolo ovvero "Che Cosa Siamo Noi", che vede la presenza di Roberto Tiranti in veste di ospite ma anche la ballata dal forte impatto emotivo “L'altra parte di te”. Interessante anche il lavoro svolto per quanto riguarda i testi che seguono un concept che metaforicamente parla delle varie personalità di ogni singoli individuo.

“Orso Bianco” è una positiva sorpresa tra gli ascolti di questo inizio 2019, anche se il disco è stato in realtà pubblicato verso la fine dello scorso anno. Se non avete i paraocchi e sapete apprezzare la buona musica in generale, dategli un ascolto!

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Da membri di Pestilence, Cryptopsy ed Incantation arrivano i bestiali Tribe of Pazuzu
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I M.I.GOD. ed il loro "sophisticated metal"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Più cupi, tristi e malinconici: tornano i finlandesi Swallow The Sun
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente piatto il debutto dei The Wandering Ascetic
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cileni Dezaztre Natural hanno ancora da migliorare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla