A+ A A-
 

I Nailed to Obscurity non si scrollano di dosso la troppo palese influenza degli Opeth I Nailed to Obscurity non si scrollano di dosso la troppo palese influenza degli Opeth

I Nailed to Obscurity non si scrollano di dosso la troppo palese influenza degli Opeth

recensioni

titolo
Black Frost
etichetta
Nuclear Blast
Anno

PROVENIENZA: Germania 

GENERE: Melodic Death/Doom Metal 

FFO: Opeth, In Mourning, Swallow the Sun 

LINE UP: 
Raimund Ennenga - vocals 
Jan-ole Lamberti - guitars 
Volker Dieken - guitars 
Carsten Schorn - bass 
Jann Hillrichs - drums 

TRACKLIST: 
1. Black Frost [07:40] 
2. Tears of the Eyeless [05:02] 
3. The Aberrant Host [07:19] 
4. Feardom [05:32] 
5. Cipher [08:12] 
6. Resonance [05:07] 
7. Road to Perdition [07:56] 

Running time: 46:48 

opinioni autore

 
I Nailed to Obscurity non si scrollano di dosso la troppo palese influenza degli Opeth 2019-01-11 18:48:26 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    11 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abbiamo già incontrato due anni fa i tedeschi Nailed to Obscurity, rimanendo favorevolmente colpiti dall'album "King Delusion": c'era tanto di buono in quell'album e si prospettava un buon futuro per il quintetto teutonico, a patto che mettessero più del 'loro' nel sound, troppo legato agli Opeth del medio periodo. Ebbene, futuro radioso è stato visto che i NtO hanno lasciato l'Apostasy Records per accasarsi niente meno che sotto lo stendardo di Nuclear Blast! La band si avvale quindi di una produzione praticamente perfetta e la loro quarta fatica, "Black Frost", è un album tutt'altro che brutto... ma ancora una volta le sonorità dei nostri sono totalmente devote agli Opeth della prima metà degli anni 2000. Prendete uno qualsiasi degli album da "Blackwater Park" a "Ghost Reveries", confrontatelo con quanto possiamo ascoltare in "Black Frost" dei NtO e vi accorgerete come la band tedesca non sia riuscita nemmeno lontanamente a scrollarsi di dosso lo spettro del colosso svedese. E questo è davvero un gran peccato, perché appunto i Nailed to Obscurity non suonano affatto male, il vocalist Raimund Ennenga si dimostra a proprio agio sia con un growl cavernoso che con espressive clean vocals, dandoci sette brani che presi singolarmente sono tutti di pregevole fattura... Ma per l'appunto, più si va avanti più si ha la sensazione di ascoltare un giovane clone della ben più nota band scandinava.
I Nailed to Obscurity hanno in passato dimostrato un grandissimo potenziale che sarebbe dovuto esplodere definitivamente adesso, con il passaggio a Nuclear Blast. Potenzialità che invece sono rimaste in parte inespresse per via di un lavoro che sa troppo di derivativo, cosa che alla fine porta ad una mezza delusione: "Black Frost" meno della sufficienza non merita ed è appunto il voto che si porta a casa, ma era lecito aspettarsi molto di più.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla