A+ A A-
 

Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire

Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire

recensioni

gruppo
titolo
Slave of Time
etichetta
Autoproduzione
Anno

ENTERFIRE is:

Niki B (lead guitar and vocals)

Ioakeim Aktinoudis (guitar and backing vocals)

Mr Webster (bass and backing vocals)

Nick Thivaios (Drums)

 

Tracklist:

1. Intro and upon Humanity

2. Slave of time

3. Open sky

4. Freaking out

5. Edge of a knife

6. Weapon of broken dreams

7. A thousand voives

8. Hands from hell

9. Breathe again

opinioni autore

 
Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire 2019-01-07 11:55:30 Federico Orano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Federico Orano    07 Gennaio, 2019
Ultimo aggiornamento: 07 Gennaio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano da Londra e propongono un heavy thrash metal alternativo dalle tinte moderne. Sono gli Enterfire e "Slave of Time" è il loro debutto.

Musicalmente la band ci sa fare come dimostra il tocco thrash/prog di “Slave of time”.
Sembra però che nel sound targato Enterfire sia un po' slegato il cantato melodico con la voce alternativa del singer Niko B rispetto al muro sonoro costruito con chitarre alla Megadeth. “Freaking out” ci porta su territori ancora più moderni con un tocco alla Linkin Park e anche qualche inserto growl mentre la successiva “Edge of a knife” ritorna a spingere forte sulla cattiveria sonora ma con un cantato melodico che sovrasta gli strumenti e che rovina tutto. E così fino alla fine della tracklist dove c'è veramente poco che si salva.

Un thrash metal con coretti iper melodici diventa proprio stucchevole e proprio non ci va giù. Le potenzialità sono evidenti durante l'ascolto di questo lavoro, ma qui non ci siamo!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla