A+ A A-
 

Dark Millennium, intanto questo secolo è già vostro. Dark Millennium, intanto questo secolo è già vostro. Hot

Dark Millennium, intanto questo secolo è già vostro.

recensioni

titolo
Where Oceans Collide
etichetta
Massacre Records
Anno

Line Up:
Christian Mertens - Vocals
Hilton Theissen - Guitars
Michael Burmann - Guitars
Gerold Kukulenz - Bass, Keys
Andre Schaltenberg - Drums

Tracklist:
1. Vampire's Empire
2. Lovers Die
3. Moving Light
4. Insubstantial
5. Nights, Eternal
6. Flesh Is Weak
7. The Lie Behind the Trust
8. Diseases Decease
9. Jessica's Grave
10. In Equilibrium
11. Across Oceans of Souls 

opinioni autore

 
Dark Millennium, intanto questo secolo è già vostro. 2018-11-05 21:55:05 Andrea B.
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Andrea B.    05 Novembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 06 Novembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci troviamo davanti una band tedesca che mette in campo un Death Metal atmosferico dalle forme tutt'altro che inconsistenti. In effetti i teutonici affondano i colpi con rasoiate di chitarra molto incisive, accompagnate da una voce al vetriolo. Le ritmiche hanno un sapore Industrial per la geometricità che le contraddistingue. Quando vogliono i Dark Millennium sanno incantare l'ascoltatore con cavalcate sonore dall'ampio respiro. Quello che mi convince è la compattezza dei brani proposti, ciascun elemento è collegato all'altro in funzione del risultato finale. Vengono fuori anche trame oscure ed oblique che interrompono la struttura dura e regolare dei brani precedenti. Il massiccio incedere del Doom fa da apripista a sfuriate di natura Thrash Metal. Quindi compaiono dei brevi stacchi che profumano di Post Rock, ma non vi è niente di fuori luogo. Le teste di questi musicisti sono colme di idee e non possono limitarsi ad un asciutta stesura compositiva. S'incontrano pure dei brevi ritornelli incastrati ad arte nei momenti meno cupi del disco. Accenni di Grindcore si scorgono, senza che risultino banali. Traspare comunque la sensazione che il combo tedesco miri ad espandere le nostre menti, facendoci superare i soliti luoghi comuni del Metal. Ecco che comincio a pensare di poter sognare ascoltando "Across Oceans Of Souls", vero capolavoro dell'album. Ho i brividi addosso per l'estrema poesia che mi trasmette questa composizione. L'orchestrazione è sublime e ci fa sentire dentro un film di emozioni sconfinate. Dove volete portarmi cari Dark Millennium? Sono finito tra le vostre braccia e potrei ritrovarmi in un'altra galassia. Il pianoforte mi fa uscire le lacrime, gli archi mi cullano come il dolce vento della notte. Cresce l'emozione dentro me e alla fine ho accumulato la voglia di abbracciare le cose più vere della vita. Grandissima perla finale per un disco complessivamente ottimo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un viaggio fatto di luci ed ombre interiori con i Superlynx
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal freddo della Siberia ritornano i Last Wail
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una mazzata su i denti firmata Violentor
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Winter Owl si presentano con questo bell'ep d'esordio.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal freddo Minnesota il Doom/Death melodico di scuola finnica dei Cold Colours
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Oculum Dei peccano purtroppo in personalità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rabbiosa denuncia socio-politica di Anthony Kaoteon con il suo progetto Death Tribe
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un inizio promettente per gli SkyEye
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
West Of Hell: né carne, né pesce
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla