A+ A A-
 

BuiOmegA, un debutto incredibile! BuiOmegA, un debutto incredibile! Hot

BuiOmegA, un debutto incredibile!

recensioni

gruppo
titolo
Decay
etichetta
Self produced
Anno

Tracklist:

1. Intro 

2. Rotten Eden 

3. The Night Before 

4. Worm's Age 

5. Weeping Earth 

6. Gaia 

7. As Above So Below 

8. Deneb 

9. B_H 

 

10. Outro

opinioni autore

 
BuiOmegA, un debutto incredibile! 2018-10-31 13:06:25 Rob M
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Rob M    31 Ottobre, 2018
Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I BuiOmegA son un progetto che nell'ultimo anno ha fatto parlare di sé a livello nazionale, grazie all'ultimo disco in uscita digitale durante il 2017, intitolato "Decay". Come sempre, è una vergogna che certe uscite non riescano a trovare il giusto supporto. Parlando proprio con qualcuno dei ragazzi coinvolti, la vera e propria seccatura é sempre riuscire a trovare una label interessata alla stampa, fattore che ormai risulta destabilizzante. Tante ore in studio, le spese di produzione e per tutto ciò che gravita attorno ad un album, trovandosi poi costretti ad autoprodurre o limitarsi al digitale.
Di fatto "Decay" é un lavoro che senz'altro si é ritrovato prigioniero di questo limbo.
A cavallo tra il lato black di Unearthly Trance, la matrice post di Neurosis, ed il groove dei Crowbar, i BuiOmega han tirato fuori una vera e propria gioia per le orecchie. Un album estremo che abbraccia diversi sottogeneri e che risulta tuttavia scorrevole, mai monotono e totalmente riuscito. Se chiaramente l'influenza che ha dato fondo alla musica dei nostri é facilmente ascoltabile, questi ragazzi han trovato un modo intelligente per assorbirne le idee e riproporle in chiave personale, un pregio che non é sempre dato per scontato.
Brani come "Worm's Age" son l'esempio lampante di questo modo di reinterpretare e costruire grazie a diramazioni forse più indie che post e con una dovuta dose di "colpi di scena". Se infatti proprio sino a questo brano la band si era fatta forte delle sue radici, da qui in poi il discorso prende una piega differente, proponendo soluzioni che spesso osano e portan a casa brani potenti e caleidoscopici. Mentre brani come "Gaia" farebbero la gioia di chi ama un sound black bastardo e alla stregua di bands come Forn o Dead Woman's Ditch, "As Above So Below" sposa i Neurosis ad una reminiscenza Opeth ai tempi di "Demon Of The Fall" (brano storico di "My Arms, Your Hearse") e classicismo NOLA.
Proprio su questo background si muovono i seguenti due brani, donando all'opera un aura di assoluta profondità emotiva e tuttavia non riducendo il tutto ai nomi sopra citati (vedi per esempio l'assolo grunge di "Deneb" o il mood death/black di "B_H"). Un peccato che ad oggi "Decay" non sia ancora stato stampato, lasciando così il pubblico totalmente assetato di un formato fisico vero e proprio per quest'incredibile opera, quanto per un lavoro successivo che possa sollevarsi dalle palesi influenze della band, per mostrare un gruppo che possa davvero far la differenza, non più solo a livello nazionale, ma anche su scala mondiale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I bresciani Hell's Guardian tornano con un album che mostra già una certa maturità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Minneriket, oltre al marciume.. verso il cestino!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stilla, un nuovo superbo lavoro per la band svedese!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Unseen Abyss, un disco non per tutti.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla