A+ A A-
 

Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati! Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati! Hot

Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!

recensioni

gruppo
titolo
Metalized
etichetta
Autoproduzione
Anno

MAXXWELL is:

Gilberto Meléndez – Vocals

Cyril Montavon – Guitars

Hef Häfliger – Guitars

Oli Häller – Drums

Adrian Müller – Bass

 

Track listing:

1. Hurricane

2. Back Again

3. P.U.T.V.

4. She’s Mine

5. Scars

6. Metalized

7. Monsterball

8. Burn

9. Done With You

10. Given It All

11. The Temple

12. Raise Your Fist

13. Independent (Bonus Track)

14. Queen Of The Night (Bonus Track)

15. Schizophrenia (Bonus Track)

 

 

opinioni autore

 
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati! 2018-09-05 10:45:42 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    05 Settembre, 2018
Ultimo aggiornamento: 05 Settembre, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli svizzeri Maxxwell tornano dopo quattro anni dal loro precedente lavoro “Tabula Rasa“, con questo nuovo “Metalized” che, come suggerisce il titolo, vede la band d'oltralpe puntare su un sound maggiormente metallico e meno rock.

La band decide di autoprodurre il disco, un lavoro composto da ben dodici pezzi più tre bonus tracks. Insomma tanta carne al fuoco, forse troppa. Ma la partenza è interessante con la ruvida “Hurricane”, song dal tocco moderno che ricorda qualcosa dei Rage più cazzuti (“End Of All Days” era), anche per l'impostazione vocale di Gilberto Meléndez. E queste sonorità sono presenti in altri momenti del disco come “Burn”, song supportata da riffoni potenti ed un tocco oscuro. Si arriva fino all'heavy/thrash di “Raise Your Fist” dove comunque la band punta su ritornelli dal forte impatto melodico o alle moderne “Done With You” e “P.U.T.V.”, dove i Maxxell sperimentano nuovi percorsi sonori, inserendo qualche effetto nella voce di Gilberto. Certo che se consideriamo anche qualche pezzo più melodico come “She's Mine” e “Given It All”, che guardano indietro alle sonorità hard rock più classiche, questo “Metalized” rischia di perdere il filo conduttore.

I Maxxell sono tutt'altro che dei pesci fuor d'acqua anzi, pare che questo sound più potente e moderno possa portare alcune soddisfazioni al gruppo svizzero. Ma “Metallized” sarebbe potuto essere migliore con qualche brano in meno ed una tracklist più compatta, mantenendo solamente le dieci tracce più ispirate.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dyrnwyn: Si torna a narrare Roma
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo disco ma ancora parecchia strada da fare per i Prima Nocte
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
State of Salazar quattro anni dopo, un altro pieno centro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Magic Dance un salto negli anni 80 con un Aor iper melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo dieci anni con un disco davvero ben fatto i Forest of Shadows
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dawn Ahead, thrash ispirato agli USA, ma dalla Germania
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo disco solista di Kikis A. Apostolou, chitarrista degli Arrayan Path
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla