A+ A A-
 

Gli americani Mordant Rapture ci regalano uno dei migliori debutti degli ultimi anni Gli americani Mordant Rapture ci regalano uno dei migliori debutti degli ultimi anni Hot

Gli americani Mordant Rapture ci regalano uno dei migliori debutti degli ultimi anni

recensioni

titolo
The Abnegation
etichetta
The Artisan Era
Anno

LINE UP: 
Rodrigo Rodríguez - vocals 
Ben Wilkinson - guitars 
Kent Congdon - guitars 
Josh Miller - drums (session) 

TRACKLIST: 
1. Unsightly Beast [05:43] 
2. Withered [02:51] 
3. A Plea Above Ashes [01:45] 
4. Quell the Voiceless [05:16] 
5. Natal Trophies [06:26] 

Running time: 22:01 

opinioni autore

 
Gli americani Mordant Rapture ci regalano uno dei migliori debutti degli ultimi anni 2018-07-17 16:10:54 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    17 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devo essere onesto: non è affatto facile ritrovarsi tra le mani un debutto di tale portata come è quello dei californiani Mordant Rapture. E "The Abnegation", per giunta, non è neppure un album, ma un EP. Partiti come una "normale" band Technical Death, col tempo il sound dei Mordant Rapture si è evoluto con le influenze personali portate dai membri del gruppo, che li ha portati ad inserire elementi Symphonic e Blackened Death, con quindi influenze da Necrophagist, Spawn of Possession, Emperor e Dissection (ma magari non dimenticherei i nostri Fleshgod Apocalypse) che confluiscono assieme in quello che la band di San Jose ci fa ascoltare.

Per i poco più di 20 minuti di durata di questo "The Abnegation" si resta costantemente colpiti dall'immane lavoro svolto dai Mordant Rapture. La naturalezza con cui uniscono la tecnica eccelsa derivante dal Technical Death odierno alla violenza feroce del Black scandinavo, infiocchettando il tutto con ottime orchestrazioni, è da sgranare gli occhi dal primo all'ultimo secondo. Che sia l'ipertecnicissima opener "Unsightly Beast" o la rapida e violenta "Whitered" - con una parte solistica dalle aperture tipiche dei Fleshgod, come dicevo - o l'eterea strumentale "A Plea Above Ashes", non si può far altro che apprezzare in toto la proposta dei nostri. Strumentale che tra l'altro è un po' la calma prima della tempesta, visto che subito dopo arriva come un cazzotto in faccia la schizzoide "Quell the Voiceless" a spazzar via del tutto ogni minimo dubbio sulla bontà della loro proposta. Questo assunto che dubbi ce ne fossero, ovvio.

"The Abnegation" ha un solo difetto: è solo un EP. Si arriva alla fine troppo velocemente e con la voglia che ce ne sia ancora, cosa che porta facilmente a premere PLAY e riascoltare questo lavoro da capo. Lavoro consigliatissimo, dunque, e in più altro consiglio è di tenere sott'occhio i Mordant Rapture: le premesse che questi ragazzi tirino fuori un debut album mostruoso ci sono tutte.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

rebelHot un tuffo nel rock degli anni Settanta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Road Warrior dall'Australia con un epic heavy metal lontano dalle mode attuali
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pop, Rock e sonorità sci-fi nel ritorno dei Dan Reed Network
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano i Methedras con una nuova/vecchia formazione ed un disco pienamente soddisfacente
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Godless con un buon EP, ma che passa forse troppo rapido e indolore
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla