A+ A A-
 

I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto Hot

I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto

recensioni

titolo
Portals to Decimation
etichetta
Autoproduzione
Anno

LINE UP: 

Samuel Trindade - guitars, drum programming
Sérgio Afonso - vocals
Alex - bass
 

TRACKLIST: 
1. The Cosmogonic Rise [05:13] 
2. Hand of Doom [03:40] 
3. Route to Eden [05:06] 
4. Astral Karma [04:58] 
5. Vessel to Utopia [04:49] 
6. Decode 144 [03:08] 
7. Ecce Calamitas [03:10] 
8. Traveller of Deceit [03:28] 
9. Revelations [02:19] 

Running time: 35:51 

opinioni autore

 
I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto 2018-07-07 13:48:14 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    07 Luglio, 2018
Ultimo aggiornamento: 08 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' una storia alquanto travagliata, quella dei portoghesi Disassembled. Solo che, data la mancanza totale di info sia nel promo arrivato in redazione, sia sulla pagina Facebook della band, si è dovuti andare un po' a naso. La band lusitana è stata attiva dapprima dal 1994 al 2009, anni in cui però hanno pubblicato solo un paio di demo ed un paio di EP; si riformano nel 2017 (non ho idea con line up quanto cambiata) ed arrivano oggi a pubblicare, autoproducendosi, il loro debut album: "Portals to Decimation".

Vedendo l'artwork ed osservando titoli di album e dei brani, sembra proprio che i Disassembled vertano, in quest'opera, su tematiche sci-fi: il che, per chi vi scrive, è già un enorme punto a favore. Ma fortunatamente, non è solo questo. La proposta del quartetto di Lisbona è estremamente varia, tanto che è quasi poco definirli semplicemente Progressive Death Metal. E' sì, sostanzialmente, il genere di riferimento dei Disassembled, ma i nostri inseriscono nelle loro composizioni anche momenti estremamente groovy, senza contare un gusto per la melodia da non sottovalutare: non fa schifo loro il Melodic Death svedese, insomma. "Portals to Decimation" è, a tutti gli effetti, un disco interessantissimo: tecnico, duro e melodico nel contempo, grazie al sapiente uso anche di synth riesce a dare quella sensazione di futuristico che si sposa perfettamente con il concept dell'album ("Route to Eden" ne è l'esempio perfetto, ma anche "Astral Karma" non è da meno). "Portals..." è un disco fatto d'immagini: ascoltandolo si riesce ad avere la netta sensazione di un viaggio cosmico, quasi come se si stesse leggendo un romanzo (o guardando un film) di stampo sci-fi/utopistico.

Un disco curato nei minimi dettagli, che sorprende di minuto in minuto con il procedere dell'ascolto. Merito poi dei Disassembled è quello di non perdersi in fronzoli, cosa che succede fin troppo spesso nel Prog Death: i brani sono sì tecnicissimi, ma i nostri evitano di ammorbare con meri esercizi stilistici, puntando su pezzi 'secchi' e dalla durata contenuta. Sono capacissimi a suonare, insomma, e non han bisogna di masturbare gli strumenti per dimostrarlo. Però magari la prossima volta inserire le informazioni che servono non sarebbe male...

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

"Chants to Irkalla", l'oscuro e sulfureo debut album dei Druj
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli spagnoli Cabaret Aberrante sono la classica prova che l'abito non fa il monaco
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tradizione e modernità insieme nel debut album degli svedesi Heretic Legion
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un rock gotico e teatrale per gli israeliani Fatum Aeternum
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Red Dragon Cartel e l'hard rock ruvido, vissuto e intenso
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bellissimo album di prog rock/metal questo nuovo lavoro de La Bottega del Tempo a Vapore.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sorprendentemente ottimo per i danesi Sinnrs
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gathering Darkness celebrano i vent'anni di carriera con "The Inexorable End"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente influenzato dalla corrente "core" il Progressive Death dei Technical Damage
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un breve (ma comunque interessante) EP i canadesi Dethgod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla terra del Death tecnico arriva una nuova interessante scoperta: i Samskaras
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non entusiasmante il debut dei Serpents Kiss
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla