A+ A A-
 

Buona la prima per il solo project Isa con "Chimera" Buona la prima per il solo project Isa con "Chimera"

Buona la prima per il solo project Isa con "Chimera"

recensioni

gruppo
titolo
Chimera
etichetta
Autoproduzione
Anno

LINE UP: 
Dan Curhan - vocals, all instruments 

TRACKLIST: 
1. [dusk] [01:15] 
2. Stage I: Descent [03:23] 
3. Stage II: Fear [03:35] 
4. Stage III: Heathens [05:03] 
5. Stage IV: Evil [05:08] 
6. Stage V: Reflection [02:38] 
7. Stage VI: Lust [03:42] 
8. Stage VII: Freedom [05:12] 
9. Stage VIII: Ocean [04:56] 
10. Stage IX: Recursion [05:22] 
11. [dawn] [00:23] 

Running time: 40:37 

opinioni autore

 
Buona la prima per il solo project Isa con "Chimera" 2018-07-05 15:56:04 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Luglio, 2018
Ultimo aggiornamento: 05 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si avventura per strade estremamente tortuose Dan Curhan, musicista americano che presenta il proprio solo project, Isa, con questo "Chimera", album interamente suonato e prodotto da lui stesso. Un disco che, ad essere onesti, colpisce. Al netto di qualche piccola cosa rivedibile qua e là, tipo alcuni "giochi" con le voci che risultano un po' caotici (vedasi in "Stage I: Descent"), ma comunque colpisce. Non credo sia propriamente semplice tirar fuori un progetto Progressive Death in solitaria, invece il nostro Dan riesce, facendo un ampio mash-up di vari generi, a creare un qualcosa che sa essere estremamente interessante. Passiamo dal Death iper-tecnico (Gorguts, Ulcerate) al Prog puro, passando per fraseggi più moderni alla Between Buried and Me o le psichedelie dei The Mars Volta. Un disco costantemente cangiante, questo "Chimera", che sorprende per il gusto con cui Dan Curhan riesce a fondere tutte queste varie influenze, arrivando persino a scomodare lo Sludge come nell'ottima "Stage IV: Evil". Per essere un lavoro self-made, poi, la produzione risulta essere abbastanza soddisfacente: con qualche altra cosa anche in questo frangente da mettereun po' meglio a punto qua e là, ma con un risultato finale che nel complesso è buono.

Lavorando e continuando a crescere, potremmo anche sentir parlare ulteriormente di questo progetto. E sarebbe un giusto premio per un musicista che interamente da solo è riuscito a creare un'opera interessante e dalle così tante sfaccettature.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un buon disco per i Wombripper, anche se con sonorità troppo derivative
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La violenza ferale e la tecnica mostruosa dei Torn the Fuck Apart
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà quello dei Devious Mine il miglior disco power del 2018?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal Messico il Melodic Death/Doom dei Matalobos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ben Blutzukker ed un E.P. di cui difficilmente ci si ricorderà in positivo
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli A Scar for the Wicked ed un sound che unisce perfettamente Deathcore e Melodic Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I The Flesh son la band che tutti gli amanti dell'estremo dovrebbero ascoltare!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bella prova per gli Ego The Enemy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un sorprendente debut album per gli Espionage
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla