A+ A A-
 

Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate

Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate

recensioni

titolo
Time Is The Fire
etichetta
Iron Shield Records
Anno

TRACKLIST:

1. Pig Moon Rising (Intro)

2. Obey The System

3. In The Dead Of The Night

4. Kuolema

5. Bringer Of Päin

6. Knife Against My Throat

7. Drowning

8. Fallen Gardens

9. Original Sin

10. Ken Tästä Käy

11. Animal Is Out Of Control

12. Unholy Madness

13. Welcome To Tomorrow

14. Faces

15. The Worm Moon (Outro)

16. Blood And Iron (Bonustrack)

Total Playing Time: 59:01min

 

LINE-UP:

Ilkka 'Ile' Järvenpää – vocals

Harri Lampinen – guitars

Niko Karppinen – bass

Jukka Kyrö – guitars

Ville Hanhisuanto – drums

 

 

opinioni autore

 
Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate 2018-06-25 11:37:25 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    25 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attivi fin dal 1986, i finlandesi National Napalm Syndicate tornano ora in pista con un'ora di musica aggressiva ed ispirata che getta le basi nel thrash metal e nello speed metal americano.

Insomma, fin dall'inizio con “Obey The System” troviamo riff spaccaossa, ritmi veloci e la voce rabbiosa del singer Ilkka 'Ile' Järvenpää che pare essere andato a scuola da Tom Araya degli Slayer. “Time is the Fire” è un disco che non si ferma un attimo, ma spinge forte tra solos al fulmicotone ed una sessione ritmica che non sbaglia un colpo. Certo che, per un disco del genere, sedici brani, seppur con intro e outro, sono un po' troppi. Ma non si può che apprezzare la rabbia sonora di questi ragazzi che si dimostrano anche tecnici (quasi prog/thrash), con brani complessi come “In The Dead Of The Night”, ascoltate l'inizio per capire, o l'epica “Original Sin”. C'è spazio anche per un paio di songs in finlandese, come “Kuolema' (Death)” e “Ken tästä käy” ed è da segnalare la cover, come bonus track, di “Blood & Iron” degli Overkill.

Un disco che gli amanti del thrash metal non possono farsi sfuggire, perchè in questo "Time is the fire" si pesta forte, ma con tecnica e, per quanto possibile, originalità. National Napalm Syndicate che bomba!

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un buon disco per i Wombripper, anche se con sonorità troppo derivative
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La violenza ferale e la tecnica mostruosa dei Torn the Fuck Apart
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà quello dei Devious Mine il miglior disco power del 2018?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal Messico il Melodic Death/Doom dei Matalobos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ben Blutzukker ed un E.P. di cui difficilmente ci si ricorderà in positivo
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli A Scar for the Wicked ed un sound che unisce perfettamente Deathcore e Melodic Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I The Flesh son la band che tutti gli amanti dell'estremo dovrebbero ascoltare!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bella prova per gli Ego The Enemy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un sorprendente debut album per gli Espionage
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla