A+ A A-
 

Kanseil: Poetico folk-metal dal Veneto Kanseil: Poetico folk-metal dal Veneto Hot

Kanseil: Poetico folk-metal dal Veneto

recensioni

gruppo
titolo
Fulische
etichetta
Rockshots Records
Anno

01. Ah, Canseja!

02. La Battaglia Del Solstizio

03. Ander De Le Mate

04. Pojat

05. Orcolat

06. Serravalle

07. Vallorch

08. Il Lungo Viaggio

09. Densilòc

 

Line Up: 

Andrea Facchin: Voce

Federico Grillo: Chitarra

Davide Mazzucc: Chitarra, Bouzouki

Dimitri De Poli: Basso

Luca Rover: Batteria

Luca Zanchettin: Cornamusa, Kantele

Stefano Da Re: Flauto, Rauschpfeife

opinioni autore

 
Kanseil: Poetico folk-metal dal Veneto 2018-06-12 20:15:24 Gianni Izzo
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    12 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Kanseil sono una band veneta fomatasi ormai quasi 10 anni fa, che ha all’attivo una demo, “Tzimbar Bint” ed un full-lenght uscito tre anni fa, intitolato “Doin Earde”. Dal punto di vista strumentale, la band ha dalla sua interessanti strumenti con cui arricchire il proprio repertorio: dal bouzouki alla cornamusa, dal nordico kantele al flauto ed all’antico rauschpfeife.

Questo “Fulische” è indubbiamente un album molto interessante, permeato da passaggi evocativi e testi poetici, tutti cantati in italiano o in dialetto, a partire dall’intro “Ah, Canseja!”, dove vengono recitati i versi del contemporaneo e conterraneo poeta Pier Franco Uliana.
I testi si rifanno alla propria terra, tra storia (“La Battaglia Del Solstizio”) (“Pojat”) e mitologia (“Orcolat”) , ma non mancano anche riferimenti sociali come nell’ottima e struggente “Il Lungo Viaggio”, che parla dello strazio emotivo di dover lasciare la propria terra, per cercare una parvenza di vita migliore in un luogo lontano.

Le partiture dei brani sia nel loro versante folk-metallico, che in quello più popolare ed ancestrale, è abbastanza lineare, è punta soprattutto sull’emotività, che non su un mero esercizio tecnico. Insomma, non avrete fraseggi in stile Eluveitie, ma piuttosto un continuo ricamo di belle note lunghe, che si poggiano perfettamente sulle partiture e le ritmiche metalliche del combo. Tutto il lavoro è permeato da una certa epica malinconica, sia nei momenti più duri e neri, che in quelli più melodici, molto vicini questi, al senso musicale dei Folkstone (ascoltatevi “Densiloc” ad esempio, ma anche brani acustici come “Serravalle”).
Difficilmente sentirete ritmiche serrate, solo con “Pojat” e “Vallorch” i Kanseil aumentano notevolmente i ritmi, per il resto si prediligono tempi più dilatati, o comunque dei buoni mid-tempo.

“Fulische” è un lavoro ben fatto, di cui l’unica cosa che posso obiettare è il cantato in clean un po’ acerbo, che sinceramente non mi fa impazzire più di tanto, anche se ammetto che le linee melodiche riescono ad essere abbastanza azzeccate. Al contrario mi piace molto il cattivo growling che, in certi frangenti mi ricorda, pur con le differenze del caso, il buon Ribeiro dei Moonspell.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Pop, Rock e sonorità sci-fi nel ritorno dei Dan Reed Network
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano i Methedras con una nuova/vecchia formazione ed un disco pienamente soddisfacente
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le Lovebites, dal Giappone con grinta
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Kalashnikov
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Madison, ristampa in cd per un classico dell'heavy svedese
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ace Mafia un ep niente male per i fans dell'hard rock dalle sonorità moderne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Watershape, un prog metal dove spesso viene colpevolente poco curato l'aspetto melodico.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Godless con un buon EP, ma che passa forse troppo rapido e indolore
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla