A+ A A-
 

Prog metal interessante ma dalle poche vibrazioni col debutto dei talentuosi Hadeon Prog metal interessante ma dalle poche vibrazioni col debutto dei talentuosi Hadeon Hot

Prog metal interessante ma dalle poche vibrazioni col debutto dei talentuosi Hadeon

recensioni

gruppo
titolo
Sunrise
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist

1.Thoughts ‘n’ Sparks

2.Chaotic Picture

3.I, Divided

4.Never Thought

5.Lightline

6.Hopeless Dance

7.Sunrise

 

Line-up

Federico Driutti – Vocals & keyboard

Alessandro Floreani – Guitars

Fabio Flumiani – Guitars

Gianluca Caroli – Bass

Emanuele Stefanutti – Drums

opinioni autore

 
Prog metal interessante ma dalle poche vibrazioni col debutto dei talentuosi Hadeon 2018-06-06 13:49:39 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    06 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 06 Giugno, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ricca scena prog italiana si arrichisce di una nuova, giovane ed interessante band con gli Hadeon, quintetto udinese nato nel 2014 che ora pubblica il proprio debutto autoprodotto intitolato “Sunrise”.

La band friulana si cimenta in un prog metal complesso e ricco di vari elementi dal prog rock settantiano all'hard rock. E anche la storia che gira attorno a questo esordio non è affatto banale; la band va alla ricerca dei disturbi e delle malattie che colpiscono l'uomo moderno, attraverso i sette brani del disco dove ogni personaggio racconta le proprie vicende. Gli Hadeon dimostrano di essere decisamente preparati tecnicamente, ma non è affatto facile lasciare il segno in un genere come questo. La band italiana pecca leggermente nel songwriting, che spesso risulta freddo e distaccato. Intendiamoci, questo esordio è un lavoro sicuramente degno di nota, ma la sensazione è che soprattutto le linee vocali siano fin troppo ricercate e non facilmente digeribili. Insomma “Thoughts ‘n’ Sparks” che apre il disco con un riff di chiara scuola progressive e che non disdegna qualche tocco più moderno alla Pain of Salvation, si muove in maniera impeccabile, ma manca quel guizzo vincente capace di entrare nel cuore, quell'apertura melodica o quell'assolo in grado di fare la differenza. Ed è un po' questa la sensazione che si ha durante tutto l'ascolto di “Sunrise”, nonostante l'ottima apertura di “Chaotic Picture”, che strizza l'occhio ai Dream Theater più classici, e l'acustica “Never Thought”, che riesce a trasmettere maggiori emozioni con percussioni e arpeggi di chitarra che potrebbero ricordare qualcosa degli Angra e la buona prestazione vocale di Federico Driutti. Le atmosfere si fanno più cupe nella complessa “Lightline” e nella successiva “Hopeless Dance”, ma è con la lunga title track che la band riesce ad esprimersi al meglio con buoni spunti strumentali.

La concorrenza è agguerrita e, per sorprendere in questo genere, serve qualcosa di più. Il potenziale è elevato, ma c'è qualcosa su cui lavorare ancora nel sound degli Hadeon, che sono sicuro ci sorprenderanno in futuro!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Anguish Force non brillano di forza creativa.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora una volta i greci Mass Infection offrono una prestazione mostruosa
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un EP dal sound vintage gli indiani Aempyrean
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
White Widdow al quinto tentativo col disco della svolta.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguine Glacialis: ma il filo conduttore dov'è?
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnite City, la solita dose di hard rock iper melodico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Godless con un buon EP, ma che passa forse troppo rapido e indolore
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prophets Of The Apocalypse: Ep che non convince
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Inner Decay ed il loro granitico Death Metal per un buon debutto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla