A+ A A-
 

I Lords of Black con un gioello di heavy metal che splenderà anche nelle varie top ten di fine anno I Lords of Black con un gioello di heavy metal che splenderà anche nelle varie top ten di fine anno

I Lords of Black con un gioello di heavy metal che splenderà anche nelle varie top ten di fine anno

recensioni

titolo
Icon Of The New Days
etichetta
Frontiers Records
Anno

Ronnie Romero

opinioni autore

 
I Lords of Black con un gioello di heavy metal che splenderà anche nelle varie top ten di fine anno 2018-05-21 21:26:34 Federico Orano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Federico Orano    21 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 22 Mag, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se non avete ancora sentito parlare dei Lords of Black ci sono solo due possibilità: o vivete su Marte, oppure non amate l'heavy metal. La band spagnola, formata dal leader Tony Hernando (ex Saratoga) e dal supertalento al microfono Ronnie Romero, arriva al terzo disco in carriera, intitolato "Icon of the new days", un concentrato di heavy/power metal dal tocco moderno da spararsi a tutto volume!

Basterebbe il trio formato da “World Gone Mad”, “Fallin” e “Forevermore” per abbattere ogni concorrenza. La band di Tony Hernando riesce ad essere potente come un macigno, ma anche melodica al punto giusto e l'ugola d'oro del Ronnie James Dio del nuovo secolo, Ronnie Romero, si incastra alla perfezione con queste songs. Il tocco cupo e progressivo della meravigliosa “All i have left” ci porta ai Rage di “Black in mind” (ascoltate l'arpeggio e mi direte), ma con un singer di un altro livello (con tutto il rispetto per Peavy naturalmente). Ma come non citare il riffone di “Long Way To Go” ed il tocco moderno della favolosa title track, mentre con “King's Reborn” vi sembrerà di avere tra le mani un disco di Dio con una produzione moderna.

Inutile girarci troppo attorno, questo “Icon Of The New Days” è un gioello di heavy metal che splenderà anche nelle varie top ten di fine anno. I Lords of Black sono sempre più convincenti e non solo passano alla grande l'ostico ostacolo del terzo disco ma, anzi, pubblicano a mio parere il miglior disco della loro carriera.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Carica ed energia per i tedeschi MotorJesus
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Thrust rimangono ancorati al metallo purissimo degli anni 80
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Maggot Casket: mai giudicare il CD dalla copertina
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gyze, un singolo in duplice versione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piacevole power metal con gli slovacchi Eufory
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Buck Tow Truck, non benissimo come inizio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla