A+ A A-
 

Un tuffo nell'hard&heavy di scuola svedese con la ristampa del debutto degli Universe! Un tuffo nell'hard&heavy di scuola svedese con la ristampa del debutto degli Universe!

Un tuffo nell'hard&heavy di scuola svedese con la ristampa del debutto degli Universe!

recensioni

gruppo
titolo
Universe
etichetta
Pride & Joy Music
Anno

Line-Up: Michael Kling – Lead Guitar; Andreas Eklund – Vocals; Hasse Hagman – Bass;

Freddy Kriström – Keyboard; Anders Wetterström – Drums; Per Nilsson - Guitar

 

Tracklist: 1. Rolling On, 2. Stories From The Old Days, 3. Weekend Warrior, 4. Lonely Child, 5. Looking For Answer, 6. Angel, 7. Woman, 8. Strong Vibration, 9. Burning Machine, 10. Question of Time

opinioni autore

 
Un tuffo nell'hard&heavy di scuola svedese con la ristampa del debutto degli Universe! 2018-05-14 15:47:48 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    14 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 14 Mag, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Universe nascono nel 1982 in Svezia e nel 1985 riescono a pubblicare il loro debutto autointitolato ma, dopo la prima release, colpa di qualche cambio di formazione ed un calo di ispirazione, il gruppo non riuscirà più a comporre un full lenght e si scioglierà qualche anno più avanti.

Ora la band si rifà sotto con la formazione originale, tranne il ruolo di frontman ricoperto da Andreas Eklund (ex House Of Shakira), ma, prima di dare vita ad un nuovo disco con dei brani inediti, il primo passo è la ristampa del debutto. Se siete fans degli Europe più classici, quelli di “Wings of tomorrow” ma in versione leggermente più heavy, potrete apprezzare il gran terzetto iniziale che apre il disco con la bomba classic metal “Rollin' On”, mentre “Stories From The Old Days” e “Weekend Warrior” mostrano un tocco più NWOBHM. Gli Universe mostrano a tratti anche un lato progressivo, come in “Lonely Child” che sembra strizzare l'occhio a Fates Warning e Crimson Glory.

Magari non tutto il disco mantiene il livello elevatissimo della prima metà della tracklist, ma questo “Universe” è un grande esempio di hard&heavy degli anni '80.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla