A+ A A-
 

Il primo passo degli Argos Il primo passo degli Argos Hot

Il primo passo degli Argos

recensioni

gruppo
titolo
No mires atras
etichetta
autoprodotto
Anno


1. No Mires Atrás (5:05)
2. Tu Final (5:30)
3. Libre (4:51)
4. Invisible (6:39)
5. Post Scríptum (5:02)
6. Y Soñar (4:42)
7. Sin Miedo (4:13)
8. Adiуs (4:26)
9. Renacer (2:43)

       
       
       
       
       
       
       
       
   

opinioni autore

 
Il primo passo degli Argos 2012-12-25 12:10:47 Federico Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Federico Orano    25 Dicembre, 2012
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano da Madrid gli Argos che dopo un demo "Alma negra" del 2006, tornano a farsi sentire con un disco di 9 tracce, autoprodotto, e scaricabile gratuitamente dal loro sito internet. La proposta della band spagnola si può riassumere in un metal melodico tra Warcry e Avalanch, con la voce di Arias che ricorda proprio quella del grande Victor Garcia (Warcry) e di Miguel Franco (Saurom). Il problema di questo lavoro sta principalmente nella produzione che penalizza il risultato finale, che sarebbe decisamente migliore se supportato da suoni registrati in maniera migliore.

C'è un pò di tutto in questo disco; il melodic metal di "Tu final", che cattura con un bel chorus ed alcuni inserti tribali molto Angra style, e l'heavy metal in stile Tierra Santa di "Invisible", forse il miglior pezzo del disco. Molto appassionante e ricca di pathos la ballata "Post Scríptum", mentre i ritmi alti e spensierati di "Y sonar" ci fanno scuotere la testa. Dopo la veloce "Adiys", puro brano power metal con tastiere in evidenza, a chiudere ci pensa la strumentale "Renacer" con delle belle melodie di piano e chitarra (come mi piacciono questi brani).

Come avrete capito gli Argos dimostrano una certa predisposizione nel comporre buoni pezzi con melodie ben costruite, come è di tradizione per l'heavy spagnolo. La produzione però penalizza questo "No mires atras", che comunque rimane un buon punto di partenza, che vi consiglio di ascoltare, sperando la band possa tornare presto con un'etichetta alle spalle ed un prodotto più professionale.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wolfshead, tra heavy old school e doom metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal progressivo direttamente dal Brasile con i Freaky Jelly
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Secret Rule tagliano il traguardo del terzo disco in studio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"E" sono 14 gli album per gli Enslaved
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva il secondo disco dei Beyond Visions: Catch 22.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perla gothic/doom: il nuovo disco degli Hanging Garden!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Folk più da leggere che ascoltare: nuovo EP per i Drenaï
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di pochi mesi un nuovo interessante EP prende vita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Spagna il secondo atto dell'opera symphonic progressive dei Nebulosa XY!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un singolo in attesa dell'album dei Crystal Gates
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunga vita ai Blazon Stone!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Incursed: L'antipasto di "Amalur"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla