A+ A A-
 

The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile Hot

The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile

recensioni

titolo
Ancient Beast of the Apocalypse
etichetta
Autoproduzione
Anno

LINE UP: 
The Outsider - vocals, all instruments 

TRACKLIST: 
1. Ancient Beast of the Apocalypse (feat. Snowy Shaw) [05:49] 
2. The Profane Feast [06:02] 
3. Polaris [02:13] 
4. Total Dementia for Lucidity [04:55] 
5. Total Dementia for Lucidity (Fugue) [06:00] 
6. Embrace the Scythe [04:38] 
7. The Incovaction (feat. Thomas Vikstroem & Nalle Paahlsson) [05:09] 

Running time: 34:46 

opinioni autore

 
The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile 2018-05-06 20:37:54 Daniele Ogre
voto 
 
1.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    06 Mag, 2018
Ultimo aggiornamento: 06 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terzo lavoro in studio per The Outsider, one man band messicana formatasi nel 2016 e che da allora è andata avanti con la media di un disco all'anno. A dispetto dei primi due lavori, "The Outsider" e "Orchestral Renditions from the Unknown", questo "Ancient Beast of the Apocalypse" è un EP, anche se la durata farebbe pensare a tutt'altro.

Symphonic Death Metal è la proposta di The Outsider, le cui influenze sono, stando a quanto visto sulla pagina Facebook del progetto, Septicflesh, Rotting Christ, Behemoth e Fleshgod Apocalypse. Ed è incredibile come, andando ad ascoltare questo lavoro, ci si renda conto che quanto stiamo sentendo non s'avvicina nemmeno lontanamente alle bands appena citate! Mi spiace essere così diretto, ma questo EP è uno dei peggiori lavori che mi siano capitati di recensire da quando sono su questo portale! Leggendo il genere e le influene, tutto mi sarei aspettato fuorché un disco dalla produzione a dir poco pessima, in cui le parti "orchestrali" sovrastano letteralmente quasi tutto, in cui la batteria (drum machine?) si perde per strada piatti e rullante nelle parti più veloci, in cui il growl risulta essere troppo in primo piano rispetto alla parte strumentale - un minimo di bilanciamento, e su... - e quel poco d'interessante, vocalmente parlando, avviene quando ci sono effetti sulla voce che ne rovinano l'effetto. Niente da salvare dunque in questo lavoro? No dai, qualcosa c'è: il growl di The Outsider, nonostante sia stato mixato malissimo, non è male... e basta. Ma per il resto, credetemi sulla parola se vi dico che è stata durissima ogni volta arrivare fino in fondo all'ascolto di questo EP.

Mi dispiace, ma è una bocciatura su tutta la linea per The Outsider. Considerato il genere che s'è scelto il musicista messicano, suggerirei di mettersi al lavoro in maniera più mirata: se gente come Septicflesh e Fleshgod Apocalypse - gruppi citati nelle influenze - si predono ANNI per scrivere un disco, un motivo ci sarà, no? Come anche un motivo ci sarà se questo è il terzo lavoro per questo progetto uscito autoprodotto... Arrivati a questo punto, due domande me le farei.

Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla