A+ A A-
 

I Code Noir devono scegliere una strada ben precisa I Code Noir devono scegliere una strada ben precisa

I Code Noir devono scegliere una strada ben precisa

recensioni

gruppo
titolo
"Burn card"
etichetta
Metal Scrap Records
Anno

 

TRACKLIST:

1. Mine forever

2. Crime in a line

3. The things that you hated

4. Nowhere

5. Make it happen

6. Under the august sun

 

Bonus tracks:

7. I wanna be sedated (Ramones cover)

8. Sanctuary (Iron Maiden cover)

 

 

LINE-UP:

Michael T - vocals, guitars;

Adam Chapman – bass.

opinioni autore

 
I Code Noir devono scegliere una strada ben precisa 2018-04-14 15:21:42 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    14 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Code Noir nascono tra Grecia e Svezia nel 2015, grazie all’incontro di due fans degli Iron Maiden, Michael T. (voce e chitarra) ed Adam Chapman (bassista). Dopo aver reclutato per breve tempo un altro chitarrista ed un batterista, poi usciti dal gruppo, registrano il loro lavoro di debutto, una sorta di mini-lp di poco più di 26 minuti di durata, con 6 pezzi originali e 2 cover, intitolato “Burn card” ed uscito per Metal Scrap Records a dicembre 2017 in formato digitale. Tutti i pezzi hanno durate molto brevi e concise, ma non per questo non sono efficaci; una delle virtù dei Code Noir, infatti, è proprio quella di saper comporre pezzi ben strutturati ed orecchiabili. Il problema principale che ho riscontrato sta nella eccessiva eterogeneità della proposta sonora. Se, infatti, i primi pezzi sono classicamente heavy metal (ma l’influenza degli Irons si sente poco o niente), già con il terzo brano “The things that you hated” si comincia a variare, in un brano che fa pensare ad un incrocio tra i Faith No More ed i Red Hot Chili Peppers. Dopo la piacevole “Nowhere” che prosegue sulla falsa riga del precedente brano, arriva “Make it happen” che spiazza notevolmente, dato che non è altro che un brano di musica punk, un pizzico di Sex Pistols mescolato con i Green Day e viene da chiedersi cosa abbia a che fare una canzone del genere con il metal dei primi due pezzi. L’ultimo pezzo originale è “Under the august sun”, placido e quasi hard rockeggiante, forse anche leggermente moscio. A chiudere il lavoro ci sono due cover, una dei Ramones (“I wanna be sedated”) e l’altra degli Iron Maiden, del cui repertorio è stato scelto uno dei brani più vecchi: “Sanctuary”. A questa maniera credo che i Code Noir abbiano poche possibilità di conquistare fans tra coloro che ascoltano il buon vecchio e classico heavy metal, così come ne hanno molto poche per convincere chi ascolta la musica punk. L’eccessiva eterogeneità in questo caso si è rivelata un’arma a doppio taglio e la band ha bisogno di trovare una propria direzione definitiva, indurendo maggiormente il sound e quindi virando verso l’heavy metal definitivamente, oppure ammorbidendolo ancora per dirigersi verso il punk rock. A questa maniera, i Code Noir con il loro “Burn card” non riescono a strappare la sufficienza.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Decimo album per gli Aborted, uno spettacolare tornado di violenza
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I giovani Atlas con un melodic rock ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Allfather tra Sludge/Doom e ferocia Hardcore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I russi Adfail ed un EP ai confini della noia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo, bellicoso lavoro per i 28 anni di Marduk
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano finalmente al debutto i deathsters ucraini Mutanter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rithiya Henry Khiev, tecnica ed originalità, ma non solo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vetrarnott, un esordio assolutamente convincente!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla