A+ A A-
 

Female fronted symphonic melodic metal dalla Bulgaria con i Metalwings Female fronted symphonic melodic metal dalla Bulgaria con i Metalwings

Female fronted symphonic melodic metal dalla Bulgaria con i Metalwings

recensioni

titolo
“Fallen angel in the hell”
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Fallen angel in the hell

2.      Slaves of the night

3.      Ship of shadows

4.      Immortal metal wings

5.      Crying of the sun (bonus track)

 

 

 

LINE-UP:

Stela Atanasova - Operatic Vocals, Electric Viola, Keyboards

Grigor Kostadinov - Guitars

Krastyo Jordanov - Guitars, Backing Vocals, Irish Flute

Angel Kitanov - Keyboards

Nikola "Blackie" Ivanov - Drums

opinioni autore

 
Female fronted symphonic melodic metal dalla Bulgaria con i Metalwings 2018-03-10 16:39:53 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    10 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giunge poche settimane fa fino a noi di allaroundmetal.com l’EP autoprodotto di debutto dei bulgari Metalwings, intitolato “Fallen angel in the hell”, uscito nel corso del 2016; l’attuale campagna pubblicitaria, alquanto tardiva, viene effettuata in vista della pubblicazione da parte della band del debut album, previsto nel corso della primavera 2018, il cui titolo dovrebbe essere “For all beyond”. I Metalwings sono stati fondati nel 2010 dalla cantante lirica Stela Atanasova, con l’idea di inserire nel metal gli stilemi della musica lirica e sinfonica, come tanti altri hanno già fatto nel corso degli ultimi 20 anni. Nulla di nuovo o di originale quindi; obiettivamente la musica di questi bulgari è il tanto inflazionato female fronted melodic symphonic metal, genere che annovera al suo interno centinaia di bands molto simili tra loro. Ed i Metalwings non sfuggono da questa classificazione, con un sound bello pomposo e barocco, molto teatrale e dall’aura melodrammatica. Il cantato è il classico di scuola lirica, già sentito centinaia di volte, anche se bisogna dire che la Atanasova sa interpretare bene le atmosfere dei vari brani e non risulta stucchevole, aiutata in questo anche dalla presenza della voce maschile pulita del chitarrista Krastyo Jordanov, che avrei gradito fosse molto più presente all’interno dei vari pezzi, dato che non dispiace affatto. Ecco, forse, l’uso delle clean vocals maschili potrebbe essere l’arma in più per i Metalwings per distinguersi dalla massa; è evidente infatti che il singolo “Crying of the sun” (dove la voce maschile è più protagonista), relegato stranamente al ruolo di bonus track, è il pezzo meglio riuscito di tutto questo EP, grazie anche all’ottimo lavoro del batterista Nikola Ivanov. Se anche gli altri fossero stati a questo livello, avremmo avuto davanti un lavoro decisamente interessante! Purtroppo non è così e capita di respirare quell’odore stantio del “già sentito”; sia chiaro, “Fallen angel in the hell” non è assolutamente male, anzi gli appassionati di questo genere musicale sicuramente apprezzeranno il sound dei Metalwings, ma non tutti i brani convincono, come succede invece per il pezzo finale. Aspetto di ascoltare l’album, conscio che questi bulgari hanno buone potenzialità.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Carica ed energia per i tedeschi MotorJesus
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Thrust rimangono ancorati al metallo purissimo degli anni 80
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash tecnico e rabbioso per i National Napalm Syndicate
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Maggot Casket: mai giudicare il CD dalla copertina
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gyze, un singolo in duplice versione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piacevole power metal con gli slovacchi Eufory
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Buck Tow Truck, non benissimo come inizio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla