A+ A A-
 

Nuovo EP per i maestri del Thrash/Black Deströyer 666 Nuovo EP per i maestri del Thrash/Black Deströyer 666

Nuovo EP per i maestri del Thrash/Black Deströyer 666

recensioni

titolo
Call of the Wild
etichetta
Season Of Mist
Anno

Line Up: 
K.K. Warslut - vocals, guitars 
Ro - guitars, vocals 
Felipe - bass 
Perra - drums 

Tracklist: 
1. Violence is Golden [04:29] 
2. Stone by Stone [03:37] 
3. Call of the Wild [04:45] 
4. Trialed by Fire [07:01] 

Running time: 19:52 

opinioni autore

 
Nuovo EP per i maestri del Thrash/Black Deströyer 666 2018-02-21 18:07:58 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    21 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati come side project del chitarrista dei Bestial Warlust, K.K. Warslut, i Deströyer 666 sono col tempo diventati la band australiana più famosa nell'intero globo terraqueo, grazie al proprio stile sempre fedele a se stesso e senza il minimo compromesso. La Thrash/Black band australiana - anche se di base in Europa ora - ha rilasciato in passato delle autentiche pietre miliari del genere, e mi riferisco ai primi tre album: "Unchain the Wolves", "Phoenix Rising" (all'unanimità riconosciuto come il loro miglior lavoro) e "Cold Steel... for an Iron Age". Poi dopo un album così così come "Defiance" sono tornati in carreggiata nel 2016 con il buonissimo "Wildfire". Ma oltre gli album, i Deströyer 666 hanno pubblicato anche un discreto numero di EP, l'ultimo dei quali è quello che ci stiamo accingendo a recensire: "Call of the Wild", in uscita per Season of Mist.

Quello che possiamo trovare in "Call of the Wild" è semplicemente quello che ci si aspetterebbe dai Deströyer 666. Un Thrash/Black diretto e sfrontato, senza compromessi, cattivo, duro... quattro scudisciate che fanno male, rapide e violente sparate dritte in faccia all'ascoltatore. Un sound riconoscibile dopo i primissimi secondi, cosa che succede solo con i grandi del genere (Desaster, Sodom, Nifelheim, Gospel of the Horns...), quel mix di Speed/Thrash, Black, Punk Hardcore e un'attitudine motorheadiana che è immancabile in questo preciso genere. Quest'ultima cosa riscontrabilissima sia nell'opener "Violence is Golden" che nella successiva - e nettamente più dura - "Stone by Stone", mentre emergono un'anima più "Heavy" nella title-track ed influenze bathoryane nella conclusiva "Trialed by Fire".

I Deströyer 666 sono fieri portabandiera di quel Thrash/Black figlio soprattutto degli insegnamenti dei Venom, con un sound che è ormai diventato un marchio di fabbrica apprezzabile e riconoscibile immediatamente. Un modo di fare musica diretto, cattivo, selvaggio che rende la band australiana un vero e proprio caposaldo del Thrash/Black. "Call of the Wild" non delude le aspettative e rappresenta un gustoso antipasto in vista di un album che, conoscendoli, non tarderà ad arrivare.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

U.D.O.  Un monumento all'acciaio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Raven Throne, una buona raccolta di EP!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Negacy, non male, ma nemmeno qualcosa di eccezionale
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nocturnal Breed, la colonna sonora per il fine settimana black metal alcolico!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burial Hordes, si poteva dare di piú!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
MaYaN - Dhyana
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debutto quello degli abruzzesi In My Ashes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Minervium, un'altra incredibile realtà black metal per la nuova scena nazionale!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dying Leaf, il debutto "tra epico e profano"!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla