A+ A A-
 

Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS Hot

Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS

recensioni

gruppo
titolo
Metal Monster
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. Into The Unknown

2. Evolution

3. (Point of) No Return

4. Cyberkiller

5. Metal Monster

6. Edge of The World

7. Sign of Death

8. Facing The Darkness

9. Your Own Shadow

10. Circus of Fools

11. Rise Up (The Red Plague)

 

 

 

opinioni autore

 
Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS 2018-02-09 11:45:34 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    09 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che la scena spagnola sia cresciuta a dismisura negli ultimi anni, anche con le band “underground” capaci di presentarsi con dischi professionali sotto ogni punto di vista, lo abbiamo ormai capito e questi SnakeyeS ne sono un'ulteriore conferma.

“Metal monster” è un disco che farà la gioia di ogni amante del power metal solido e aggressivo, dalle tinte heavy che tanto deve a band come Rage e soprattutto Brainstorm. Il gruppo andaluso, che già aveva debuttato nel 2015 con il convincente “Ultimate sin”, si presenta subito al pubblico con le granitiche “Into the unknown” e la veloce “Evolution”. Oltre ai chitarroni di Justi Bala che fa coppia con José Pineda al basso (già insieme negli Sphinx), a fare la differenza in questo disco troviamo l'ugola potente del singer rumeno Cosmin Aionita. “(Point of) No Return” è il classico brano potente e dal gran tiro, perfetto per presentare il disco, mentre “Cyberkiller” è una bella mazzata heavy "in your face" a cui è difficile resistere e nel finale anche “Circus of Fools” si dimostra uno dei momenti più convincenti della tracklist.

Se quello di cui necessitate sono 60 minuti esatti di power/hevy solidissimo, allora “Metal monster” fa per voi!

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla