A+ A A-
 

Un sound complesso ma poche cose da salvare in questo lavoro dei Blut Un sound complesso ma poche cose da salvare in questo lavoro dei Blut

Un sound complesso ma poche cose da salvare in questo lavoro dei Blut

recensioni

gruppo
titolo
Inside My Mind Part II
etichetta
SLIPTRICK RECORDS
Anno

Band:

Alessandro Schümperlin :: voice, programming, backing voice, producer and composer;

Marika Vanni :: Voice and backing vocals;

Valentina Carlone :: Dancer and performes;

Vittorio Rondino :: Guitar;

Tracklist:

Double Trouple

Reduplicative

Jerusalem Calls Me

A Matter of Choice

Kesswill 25-07-1875

Sigmun Freud ist mein Nachbar

Wind Ego

My Naked Soul

Folly of Two

Ekbom

Jerusalem Calls Me extended version

 

 

 

opinioni autore

 
Un sound complesso ma poche cose da salvare in questo lavoro dei Blut 2018-01-22 21:21:26 Federico Orano
voto 
 
1.5
Opinione inserita da Federico Orano    22 Gennaio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi avvicino per la prima volta ai Blut, band lombarda condotta dal leader e cantante Alessandro Schümperlin. La proposta della band? Un hard rock/metal molto moderno e poliedrico, che passa da momenti più teatrali e gotici ad altri quasi industrial.

Insomma con i Blut si viaggia su territori cupi e alternativi, a partire dalle prime note del disco. Difficile però trovare, ascolto dopo ascolto, qualcosa di funzionante in questi pezzi. La voce di Alessandro non spicca di certo e le musiche faticano a far breccia nella nostra mente. Richiami di Rammstein arrivano forte con il primo pezzo “Double Trouple” (e naturalmente anche su “Sigmund freud ist mein Nachbar"), peccato che ai Blut manchi tutta la potenza della band tedesca. Con “Jerusalem calls me” ci si sposta su territori più orientaleggianti (come se gli Orphaned Land incontrassero i Rammstein) ma anche qui la voglia di premere il tasto “skip” è tanta. Il disco si riprende un pochino con la più melodica “A Matter of Choice” ma brani come “Wind Ego” dimostrano come ci sia davvero poco da salvare in questo lavoro.

“Inside My Mind Part II” è un disco davvero particolare, ma è difficile premiare il coraggio dei Blut quando il risultato è così sottotono. Speriamo di ritrovare la band un po' più ispirata già dal prossimo lavoro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Amorphis: "Queen Of Time" dà nuova linfa vitale alla band finlandese
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il solito buon melodic hard rock dal tocco moderno dei britannici Vega
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'alba del quarto millennio ecco i Daylight Silence
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Glaciale e ferale l'operato dei Grá di Heljarmadr
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Torna uno dei gruppi considerati padrini del Black greco: sesto lavoro per i Varathron
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i nostalgici di Sentenced e Poisoblack, ecco gli Ode In Black
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli AxMinister e la passione per i Megadeth
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla