A+ A A-
 

Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro

Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro

recensioni

titolo
Joy Of Life
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. Joy of Life
2. Soul
3. Notturno
4. Sant Climent

opinioni autore

 
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro 2018-01-15 14:28:58 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    15 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’EP qui recensito è la prima opera del nuovo progetto di Luca Negro (attualmente è impegnato in numerosi progetti dal genere metal fino alla musica jazz tra cui Temperance, HateTyler, Bejelit, The Ritual, Blue Beam Project, Luca Negro Bass Solo Project, e altre collaborazioni). Il dischetto in questione si chiama Joy of Life e si sviluppa su quattro tracce interamente strumentali e nessuna di queste si aggrappa ad un genere musicale predefinito lasciando che sia la sola musica a parlare senza schemi.

I brani scorrono fluidi su dei binari sonori sempre melodici e raffinati. Non ci sono mai aumenti di intensità o comunque di ruvidezza in quanto la sei corde punta sempre o quasi all’aspetto acustico, leggiadro e soffice. Si prenda ad esempio l’iniziale titletrack “Joy of Life” dove le note si susseguono delicate ed armoniose o la stessa “Notturno” si basa sugli stessi solidi principi compositivi. Di buono c’è che, oltre alla qualità dei suoni, Luca non esagera mai in tecnicismi eccessivi presentando un lavoro dall’anima squisitamente pop nel suo essere easy e che chiunque può ascoltare a prescindere dal genere preferito o dal livello culturale. Il brano forse, leggermente più elaborato è “Soul” dove trame elettriche ed acustiche si fondono al meglio con qualche rimando agli Opeth più pacati (l’album Damnation può essere un’interessante chiave di lettura) con qualche concessione anche al flamenco.

C’è poco da aggiungere a quanto detto. Un esordio interessante e di qualità, consigliato a tutti e che potrebbe portare ad interessanti sviluppi, magari osando anche di più che non guasterebbe!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Accuser non sbagliano un colpo dopo trent'anni di puro thrash
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Visigoth e l'epic metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Us metal vario e complesso nel riuscitissimo disco targato Mike Lepond's Silent Assassins
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un salto nel mondo del rock classico con Rick Springfield
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E' già tempo di live album per i Delta Deep di Phil Collen
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il come-back dei Thaurorod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il female fronted symphonic melodic metal dei Rite Of Thalia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprendente il lavoro degli olandesi Morvigor
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vera e propria prova di forza dei finlandesi Abhordium in questo loro secondo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrano svedesi, ma invece provengono dall'Alabama: secondo album per gli Oracle
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla