A+ A A-
 

Impatto sonoro notevole per i Decryption Impatto sonoro notevole per i Decryption Hot

Impatto sonoro notevole per i Decryption

recensioni

titolo
"Gods fallen"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Gods Fallen

2.      The eye upon us

3.      Set the evil free

4.      Drowning in fear

5.      Dust to dust

 

 

LINE-UP:

Angelo Bissanti: chitarra solista e voce

Carmelo Scozzari: chitarra solista

Giulio Natalello: basso

Mauro Patti: Batteria

opinioni autore

 
Impatto sonoro notevole per i Decryption 2017-12-31 11:30:00 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    31 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando ad allaroundmetal.com è arrivata la proposta di recensione di questo E.P. di debutto dei siciliani Decryption, intitolato “Gods fallen”, il sound della band è stato definito come “melodic thrash” e, di conseguenza, essendo un genere a me consono, mi sono messo all’ascolto, fidandomi della definizione... sono stato subito sommerso da un wall of sound durissimo, tostissimo e violento, molto più vicino al melodic death o al modern metal, che al thrash in genere (senza scomodare la versione più “melodica”).... il singer e leader della band Angelo Bissanti si lascia spesso e volentieri andare al growling più duro, quasi degno del metalcore, dando ancora più violenza ed impatto al già per niente morbido sound della band. L’ottimo Mauro Patti è una macchina da guerra dietro le pelli e le chitarre sono affilate come rasoi, senza disdegnare piacevoli parti soliste a velocità elevate. A voler cercare thrash in questi cinque pezzi si farebbe davvero fatica, dato che il ritmo è davvero elevato (scordatevi la benché minima traccia di parti mosheggianti!), c’è tanto groove e l’impatto sonoro è davvero letale, degno del melodic death di scuola nord-europea. Forse la sola “Dust to dust”, se non avesse un cantato così estremo (tra scream e growl), sarebbe quella più vicina al thrash, sia pure quello più moderno. Per il resto c’è tanta violenza sonora che sicuramente potrà far breccia nei cuori e nelle menti delle giovani leve del metal, sempre assetate di ruvidezza ed impatto. Chi, come il sottoscritto, è entrato da tempo negli “anta”, invece, potrebbe rimanere indifferente di fronte ad un sound, indubbiamente ben confezionato e suonato, ma fin troppo abusato ed inflazionato. Non saprei se consigliare ai Decryption di indurire ancora di più il loro sound e sfociare definitivamente nel death metal, oppure se cambiarlo ed ammorbidirlo (specie per il cantato) e dirottarsi verso un più moderato thrash... a questa maniera, sinceramente, “Gods fallen” non è stato in grado di conquistarmi e non riesce a strappare più che una sufficienza.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hooded Menace non deludono mai: ennesimo lavoro grandioso per la band finlandese
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard Rock melodico e di classe per i PAL
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco godibile ma fin troppo lineare per i Blood Red Saints
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un sound complesso ma poche cose da salvare in questo lavoro dei Blut
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leaves' Eyes: Un secondo capitolo (minore) su Re Herald
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epica oscurità nel sound dei finlandesi Desolate Shrine
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dal Sud Tirolo ecco una band massiccia e letale: i Kings Will Fall
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Blaspherion dovranno fare più di così per emergere dalla massa
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un groove metal dritto come un pugno tra i denti! South Of No North - Stubborn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Grind We Trust, One day In Fukushima non la mandano a dire!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla