A+ A A-
 

Antipope, ovvero come le bands finlandesi non deludono mai Antipope, ovvero come le bands finlandesi non deludono mai Hot

Antipope, ovvero come le bands finlandesi non deludono mai

recensioni

gruppo
titolo
Denial/Survival
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up: 
Mikko Myllykangas - vocals, guitars, bass, programming 
Antti J. Karjalainen - guitars 
Tuska E. - drums 

Tracklist: 
1. Waters Below [05:24] 
2. Flat Circle [05:39] 
3. Denial/Survival [05:05] 
4. Der Sadist [03:22] 
5. Hunt [07:08] 
6. True Anarchist [04:23] 
7. Mindlessness Meditation [04:34] 
8. An Unconditional Ritual to Summon the Prince of Darkness [05:29] 
9. Tragic Vision [04:25] 
10. Resolution [07:12] 

Running time: 52:41 

opinioni autore

 
Antipope, ovvero come le bands finlandesi non deludono mai 2017-12-30 13:10:21 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    30 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si può che essere d'accordo con quanto viene affermato nelle info che accompagnano il promo di "Denial/Survival", quinto album dei finlandesi Antipope: "La musica degli Antipope è una libera espressione di qualsiasi stile". Partiti come una band Progressive Black, i nostri infatti hanno nel corso degli anni assimilato al proprio sound le influenze più svariate, dal Gothic all'Industrial, fino al Doom e l'Heavy. Il risultato finale è un sound sempre vario, in cui le tante sfaccettature riescono a convivere in perfetto equilibrio.

Già dalla prima traccia, "Waters Below", si nota come gli Antipope abbiano lavorato sodo per creare questo incredibile miscuglio di sonorità cercando di renderlo il più naturale possibile, con risultati che, ascoltando "Denial/Survival", possiamo definire apprezzabili. Non è raro in questo lavoro ascoltare parti soliste Heavy su un tappeto estremo, atmosfere Gothic intrecciarsi ad un feroce Black o a freddi suoni Industrial. Più si va avanti con l'ascolto poi, più ci si rende conto che probabilmente possano essere i Primordial l'influenza principale per la band di Oulu; l'esempio lampante l'abbiamo con la seconda traccia: se si ascolta "Flat Circle" senza sapere di chi è, credo che molti punterebbero su Alan Averill e soci, vuoi anche per lo stile vocale del mastermind Mikko Myllykangas (con le dovute proporzioni, s'intende). Come detto, più si va avanti con l'ascolto, più questa sensazione cresce, con la title-track che ne è un nuovo esempio; ma per l'appunto, le sonorità degli Antipope vertono su diversi stili, quindi possiamo passare per le atmosfere gotico-decadenti di "Der Sadist" all'Industrial di "True Anarchist" e "Mindlessness Meditation" - molto à là Nine Inch Nails per certi versi -, fino ad arrivare alla lunga "The Hunt", summa totale del mix di generi proposto dai nostri.

Buon lavoro in definitiva per gli Antipope. "Denial/Survival" è un album che ha vissuto una lunghissima gestazione, ma di cui la band finlandese non può che essere soddisfatta. Proprio per via di queste influenze disparate, tra l'altro, è un disco che si presta molto bene all'ascolto da parte dei più disparati metalheads. Bravi, davvero bravi.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una raccolta del materiale 2013-2015 per i canadesi Human Compost
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angerot ed il culto dell'Old School Swedish Death
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto esordio per i greci Sense Of Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burden Of Grief: la formula perfetta per l'album perfetto
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Emerald Sun ed il loro piacevole power metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arkheth, un nome da tenere in considerazione per il futuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dagli States lo spietato Blackened Death dei Blood of the Wolf
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un post grunge/rock gotico e malinconico per i Thelema
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SPLENDIDO DEBUTTO PER I MILANESI SLABBER!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un hard rock maturo, ben composto e suonato con i Rhino Proof
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tuffo negli Eighties con i Groupie High School
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla